Compliance

Un nuovo studio sottolinea il significativo beneficio delle conversazioni tra medici e pazienti

Oggi parliamo di un tema di cui si parla, parla, parla, ma poi non se ne fa un cazzo. In tutti gli Stati Uniti, milioni di persone affrontano gravi malattie che limitano la vita come cancro, malattie cardiache e ictus, patologie respiratorie e diabete. L’ultimo anno di vita con gravi malattie può essere colmato da stress emotivo e incertezza sulle opzioni di trattamento.

Abbiamo scelto un approccio diverso. Lo sosterrai? Con le notizie in pericolo, proprio quando ne abbiamo più bisogno, la qualità, le notizie verificate e le spiegazioni misurate del Il Mio Diabete non sono mai state così importanti. La nostra indipendenza editoriale è fondamentale. Inoltre questo saggio è un consulenza offerta nel campo della comunicazione e ricerca scientifica per il diabete, e le consulenze non sono mai un esercizio di caritatevole. Crediamo che ognuno di noi meriti di leggere rapporti onesti, ecco perché rimaniamo con voi, aperti a tutti. Ma in questo momento cruciale, le entrate pubblicitarie stanno precipitando. Abbiamo bisogno che tu aiuti a colmare il vuoto. Ogni contributo, grande o piccolo, è prezioso, in tempi di crisi e oltre. Sostieni Il Mio Diabete grazie. (Il valore aggiunto dell’articolo ne determina il costo). Caro visitatore, "Un nuovo studio sottolinea il significativo beneficio delle conversazioni tra medici e pazienti" questo è un articolo premium. Se ti piace accedere al contenuto completo del post, paga il corrispettivo indicato 3 EUR grazie.