Reni

La nefropatia diabetica non albuminurica aumenta la morbilità cardiovascolare nel DM1

La malattia renale cronica nonalbuminosa è associata ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e mortalità per tutte le cause, ma non a esiti renali, in pazienti con diabete di tipo 1, secondo uno studio pubblicato online il 26 agosto in Diabetes Care .

Lena M. Thorn, MD, del Folkhälsan Institute of Genetics di Helsinki, e colleghi hanno condotto un follow-up osservazionale di 3.809 pazienti con diabete di tipo 1 dallo studio finlandese sulla nefropatia diabetica. Gli autori hanno esaminato la prevalenza della malattia renale cronica nonalbuminurica e il suo impatto sugli esiti cardiovascolari e renali e sulla mortalità.

I ricercatori hanno scoperto che il 2,0% dei pazienti aveva una malattia renale cronica non-albuminosa al basale. Ciò si correlava con l’età avanzata, il sesso femminile, la storia del trattamento con laser della retina, gli eventi cardiovascolari e il numero di farmaci antipertensivi in uso; non c’era alcuna correlazione con i livelli di pressione sanguigna o agenti antipertensivi specifici. La nefropatia cronica nonalbuminurica non era associata ad un aumentato rischio di albuminuria (hazard ratio [HR], 2,0, intervallo di confidenza al 95% [CI], da 0,9 a 4,4) o malattia renale allo stadio terminale (HR, 6,4, IC 95%, 0,8 a 53.0), ma correlava con l’aumento del rischio di eventi cardiovascolari (HR, 2,0, IC 95%, da 1,4 a 3,5) e mortalità per tutte le cause (HR, 2,4, IC 95%, da 1,4 a 3,9).

“La nefropatia cronica non- albuminosa non è frequente nei pazienti con diabete di tipo 1 , ma quando presente è associata ad un aumentato rischio di morbilità cardiovascolare e mortalità per tutte le cause ma non con esiti renali”, scrivono gli autori.

Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con le case farmaceutiche, tra cui Novo Nordisk, che ha parzialmente finanziato lo studio.

Categorie:Reni

Con tag: