Mangiare e bere

Dieta a basso vs elevato contenuto di carboidrati nel diabete di tipo 1: uno studio crossover in aperto randomizzato di 12 settimane

In uno studio crossover randomizzato, effettuato dal Steno Diabetes Center Copenhagen, Gentofte, Danimarca con due bracci di intervento di 12 settimane separati da un washout di 12 settimane, sono stati inclusi 14 partecipanti che utilizzavano pompe per insulina potenziate con sensori. I singoli piani alimentari che soddisfacevano i criteri relativi ai carboidrati sono stati fatti per ciascun partecipante allo studio. I dati relativi all’assunzione effettiva di carboidrati è stata introdotta nelle pompe per insulina durante lo studio.

L’obiettivo della ricerca era volto a confrontare gli effetti di una dieta a basso contenuto di carboidrati (LCD <100 grammi di carboidrati / giorno) e una dieta ricca di carboidrati (HCD> 250 grammi di carboidrati / giorno) sul controllo glicemico e sui fattori di rischio cardiovascolare negli adulti con diabete di tipo 1 .

Pubblicità e progresso

Dieci partecipanti hanno completato lo studio. L’assunzione giornaliera di carboidrati durante i due periodi di intervento era (media ± deviazione standard) 98 ± 11 grammi e 246 ± 34 grammi, rispettivamente. Il tempo trascorso nel range 3.9-10.0 mmol / L (outcome primario) non differiva tra i gruppi (LCD 68.6 ± 8.9% vs HCD 65.3 ± 6.5%, P = 0.316). Tuttavia, il tempo trascorso <3,9 mmol / L era inferiore (1,9 vs 3,6%, P <0,001) e la variabilità glicemica (valutata per coefficiente di variazione) era inferiore (32,7 vs 37,5%, P = 0,013) durante LCD. Non sono stati riportati eventi di grave ipoglicemia. I partecipanti hanno perso 2,0 ± 2,1 kg durante l’LCD e hanno guadagnato 2,6 ± 1,8 kg durante l’HCD (P = 0,001). Nessun altro fattore di rischio cardiovascolare, compresi i livelli a digiuno di lipidi e marcatori infiammatori, è stato significativamente influenzato.

Rispetto all’assunzione di 250 grammi di carboidrati al giorno, la limitazione dell’assunzione di carboidrati a 100 grammi al giorno negli adulti con diabete di tipo 1 ha ridotto il tempo trascorso in ipoglicemia, variabilità glicemica e peso senza alcun effetto sui fattori di rischio cardiovascolare.

Lo studio è riportato su Diabetes, Obesity and Metabolism del 29 marzo 2019.