Complicanze varie/eventuali

La riparazione della pelle elimina l’invecchiamento da infiammazione legato alla malattia cronica

La pelle è l’organo più grande del corpo e gli scienziati dell’UC San Francisco e della San Francisco Veterans Administration (VA) Health Care System ritengono che sia la causa di un’infiammazione a livello del corpo legata a numerose malattie croniche dell’invecchiamento. La buona notizia è che una corretta cura della pelle con una crema idratante può ridurre i livelli di infiammazione e potenzialmente prevenire le malattie legate all’età, secondo un nuovo studio pilota clinico.

Man mano che gli umani invecchiano, sperimentiamo un basso livello di infiammazione, soprannominato “invecchiamento dell’infiammazione “, determinato da un aumento delle molecole nel sangue chiamate citochine. Questa infiammazione legata all’età è collegata a gravi malattie croniche, tra cui il morbo di Alzheimer, le malattie cardiovascolari e il diabete. Gli scienziati inizialmente pensavano che l’infiammazione derivasse dal sistema immunitario o dal fegato, ma un gruppo di dermatologi dell’UCSF ha una teoria diversa.

“L’infiammazione deve provenire da un organo abbastanza grande che un’infiammazione molto lieve può colpire l’intero corpo e la pelle è un buon candidato per questo a causa delle sue dimensioni”, ha detto l’autore senior dello studio Mao-Qiang Man, MD, ricercatore dell’UCSF Dipartimento di Dermatologia, che ha sede presso il San Francisco VA Health Care System ed è anche visiting professor presso la Southern Medical University di Guangzhou, in Cina. “Una volta che invecchiamo, abbiamo sintomi dermatologici come prurito, secchezza e cambiamenti di acidità: potrebbe essere che la pelle abbia un’infiammazione molto lieve, e poiché è un organo così grande che eleva i livelli circolanti di citochine”.

La nostra pelle inizia a deteriorarsi intorno ai 50 anni con modifiche al pH epidermico, all’idratazione e alla barriera di permeabilità, che mantiene l’acqua e batteri e altri potenziali agenti patogeni. Una perdita di umidità e rotture nella barriera di permeabilità fanno sì che la pelle rilasci citochine infiammatorie. Di solito, queste citochine aiutano a riparare i difetti della barriera, ma nell’invecchiamento della pelle la barriera non può essere riparata facilmente, quindi i segnali infiammatori continuano a essere rilasciati, raggiungendo infine il sangue.

“Fino a poco tempo fa, la comunità scientifica non credeva che la pelle potesse contribuire all’infiammazione sistemica e alla malattia, ma negli ultimi cinque anni studi sulla psoriasi e la dermatite hanno dimostrato che l’infiammazione della pelle da queste malattie aumenta il rischio di malattie cardiache” ha detto l’autore principale dello studio Theodora Mauro, MD, professore di dermatologia presso l’UCSF e il San Francisco VA Health Care System. “L’invecchiamento della pelle è molto più comune della psoriasi o della dermatite, quindi il rischio generale per la popolazione con l’invecchiare la pelle potrebbe superare di gran lunga quello osservato dalle malattie della stessa. Ridurre l’infiammazione semplicemente trattando la disfunzione della pelle vista nell’invecchiamento potrebbe avere profondi effetti sulla salute”.

Nello studio, pubblicato il 5 marzo 2019 nel Journal of European Academy of Dermatology and Venereology, Mauro, Man e colleghi hanno tentato di invertire il danno cutaneo legato all’età utilizzando una crema per la pelle da banco formulata sulla base di una precedente ricerca dello stesso Man e colleghi, e che i ricercatori avevano precedentemente dimostrato di contribuire alla riparazione della pelle sulla base del rapporto benefico di tre tipi di lipidi (colesterolo, acidi grassi liberi e ceramidi) che sono vitali per la salute della pelle.

Trentatré adulti di età compresa tra i 58 ei 95 anni hanno applicato la crema su tutto il corpo due volte al giorno per 30 giorni. Dopo un mese, i ricercatori hanno misurato i livelli ematici di tre citochine-interleuchina-1 beta, interleuchina-6 e fattore di necrosi tumorale (TNF) alfa- che erano tutti implicati in malattie infiammatorie legate all’età. L’uso della crema ha ridotto la quantità di tutte e tre le citochine rispetto ai livelli dei partecipanti prima di utilizzare la crema e nei livelli di adulti di età simile che non hanno usato la crema. Infatti, usare i livelli di citochina dei partecipanti con utilizzo ridotto della crema li portava ad essere quasi equivalenti con le persone sui 30 anni, suggerendo che il ringiovanimento della pelle può invertire “l’invecchiamento dell’infiammazione”. La crema ha anche migliorato l’idratazione della pelle, abbassato il pH,

Gli scienziati ora intendono condurre uno studio più lungo e più ampio per verificare se la riduzione dei livelli di citochine con la crema può ritardare o prevenire malattie infiammatorie legate all’età.

“Stiamo andando a vedere se usare la crema per mantenere la funzione epidermica normale mentre le persone invecchiano impediranno lo sviluppo di quelle malattie a valle”, ha detto il co-autore Peter Elias, MD, professore universitario di dermatologia presso la San Francisco VA Health. “Se lo facessimo, l’implicazione sarebbe che dopo i 50 anni, vorresti applicare un’efficace preparazione topica di riparazione della barriera ogni giorno per il resto della tua vita”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.