Batticuore

L’allenamento dell’inclinazione previene lo svenimento

L’addestramento al tilt previene efficacemente lo svenimento, secondo la ricerca presentato il 18 marzo scorso a EHRA 2019, il congresso della European Society of Cardiology (ESC). Il programma ha anche migliorato la qualità della vita, ridotto la preoccupazione e la paura per i futuri svenimenti e permesso ai pazienti di tornare al lavoro.

“Il nostro studio ha incluso insegnanti svenuti in classe che hanno dovuto lasciare il lavoro”, ha detto l’autore il Dr. Sergio Laranjo, dell’Ospedale Santa Marta, Lisbona, Portogallo. “Nessuno dei trattamenti convenzionali mi ha aiutato, ma dopo l’allenamento d’inclinazione hanno smesso di svenire e sono stati in grado di riprendere il loro lavoro.”

La sincope colpisce una persona su due durante il loro ciclo di vita ed è una delle principali condizioni di assistenza d’emergenza. Per alcuni con episodi ricorrenti è limitante nella vita: finiscono in emergenza o sono ricoverati in ospedale, e la paura li interrompe lavorando e socializzando. Lo svenimento è causato da una diminuzione della pressione sanguigna e / o dal numero di battiti del cuore. I fattori scatenanti più comuni si trovano in uno spazio caldo, affollato o quando ci si siede troppo velocemente. Alcuni pazienti non hanno segni premonitori e farmaci o dispositivi non aiutano.

Un programma di allenamento d’inclinazione è stato progettato per riqualificare il sistema nervoso autonomo (che controlla la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna) per rispondere correttamente al movimento in posizione eretta .

La risposta del sistema nervoso autonomo e del sistema cardiovascolare è migliorata, ad esempio, la pressione sanguigna non è diminuita quando si spostava in posizione verticale e la gittata cardiaca (il volume di sangue pompato ad ogni battito) si normalizzava. Ma, cosa più importante, una media di 5,5 anni dopo il programma, l’86% dei pazienti non è svenuta di nuovo. Nel resto (14%), il numero medio di svenimenti annuali (sincope) e episodi presincopali (sensazione di svenimento) è diminuita significativamente di più della metà, da cinque a meno di due e da più di 11 episodi presincopali a meno di cinque.

Venticinque pazienti hanno completato il questionario “Impatto della sincope sulla qualità della vita” prima dell’allenamento di inclinazione e sei mesi dopo. Questo evidenziava che l’allenamento di inclinazione era significativamente associato a meno preoccupazioni, paura e frustrazione legate allo svenimento.

“I pazienti sono stati in grado di condurre una vita completa e normale dopo il programma di allenamento di inclinazione”, ha affermato il dott. Laranjo. “La maggior parte dei partecipanti era in età lavorativa – l’età media era di 46 anni e poteva tornare al lavoro”.

Lo studio ha arruolato 102 pazienti che erano svenuti almeno due volte nei sei mesi precedenti o svenuti una volta e avevano avuto tre episodi presincopali nell’anno precedente.

Il protocollo aveva due parti. Nella parte dell’ospedale, i pazienti si adagiano su un tavolo che si sposta fino a 60 ° per sei sessioni e 70 ° per tre sessioni – ogni volta rimanendo sollevato per 20-30 minuti mentre sono state eseguite le misurazioni dell’elettrocardiogramma (ECG) e della pressione sanguigna . Le nove sessioni sono state distribuite su tre settimane, c’è stato un mese di pausa e le nove sessioni sono state ripetute per tre settimane. La parte casalinga consisteva nel sedersi a letto a 60-70 ° per 30 minuti al giorno, dormendo con cuscini in più, quindi la testa era a 10 °, evitando movimenti rapidi, bevendo circa 2,5 litri di acqua al giorno e facendo esercizio aerobico per 30 minuti al giorno.

L’esercizio aerobico è stato incluso per riqualificare i muscoli e il sistema cardiovascolare, ha osservato il dottor Laranjo. “Nonostante la loro giovane età, la paura di svenire ha reso questi pazienti molto attivi”, ha affermato.

Il dottor Laranjo ha detto che molti pazienti con sincope sono passati tra medici in diverse specialità senza un trattamento efficace. “Questi risultati mostrano che l’ allenamento di inclinazione è un’opzione di trattamento sicura ed efficace per pazienti selezionati con episodi sincopali ricorrenti”, ha detto.

Le linee guida ESC raccomandano che i pazienti vengano indirizzati a un’unità sincope per una valutazione multidisciplinare, diagnosi, terapia e follow-up.

Categorie:Batticuore

Con tag: