Dai media e web

OMS: Aspettativa di vita globale in aumento di 5,5 anni dal 2000

L’aspettativa di vita globale è cresciuta di 5,5 anni tra il 2000 e il 2016, ha detto l’Organizzazione Mondiale della Sanità giovedì, avvertendo però che le disparità di reddito e l’accesso all’assistenza sanitaria si traducono in una vita molto più breve per molti.

L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha anche sottolineato significative differenze di genere nell’aspettativa di vita in tutto il mondo.

In media, un bambino nato nel 2016 può aspettarsi di vivere 72 anni, rispetto ai 66,5 del 2000, secondo il rapporto annuale sulla statistica sanitaria mondiale.

I primi 16 anni del secolo vedono una sensibilecalo cadute delle morti tra i bambini sotto i cinque anni, specialmente nell’Africa sub-sahariana, dove sono stati compiuti progressi contro la malaria, il morbillo e altre malattie trasmissibili, secondo l’Oms.

Anche l’aspettativa di vita è aumentata grazie ai progressi contro l’HIV / AIDS, che ha devastato gran parte dell’Africa negli anni ’90.

Ma nonostante i progressi nei paesi più poveri, l’Oms ha affermato che permangono significativi divari di aspettativa di vita tra nazioni sviluppate e nazioni in via di sviluppo.

Le persone nei paesi a basso reddito vivono in media 18 anni in meno rispetto a quelle delle nazioni ad alto reddito, le statistiche lo hanno evidenziato.

In Lesotho, ad esempio, la gente vive in media 52 anni, 53 nella Repubblica Centrafricana 53 anni, contro gli 83 in Svizzera e gli 84 in Giappone.

Mentre la maggior parte delle persone che muoiono nei paesi ricchi sono vecchie, quasi un decesso su tre nei paesi più poveri sono bambini sotto i cinque anni, ha riferito l’Oms.

“Differenze scioccanti”

Per la prima volta, l’OMS ha strutturato le sue statistiche sulla salute globale per sesso, dimostrando chiaramente che le femmine hanno migliori prospettive di longevità rispetto ai maschi.

Alla nascita, i bambini hanno più probabilità di essere maschi che femmine, con circa 73 milioni di maschi che dovrebbero nascere quest’anno, rispetto ai 68 milioni di ragazze, secondo l’Oms.

Ma a causa della maggiore fragilità biologica e dei comportamenti più rischiosi, i tassi di mortalità tendono ad essere più alti tra ragazzi e uomini e il rapporto cambia con l’invecchiamento della popolazione.

A livello mondiale, le ragazze nate nel 2016 dovrebbero vivere fino all’età di 74,2 anni, mentre i ragazzi in media raggiungeranno i 69,8 anni, secondo il rapporto.

Uno dei motivi per cui le donne sembrano vivere più a lungo è che tendono ad essere più brave nell’utilizzare l’assistenza sanitaria disponibile.

Nei paesi che affrontano le epidemie di HIV, ad esempio, le donne hanno molte più probabilità di sottoporsi a test dell’HIV e di accedere alle terapie antiretrovirali rispetto alle loro controparti maschili. Le pazienti affette da tubercolosi sono anche più propensi a cercare un trattamento, secondo l’OMS.

Non è quindi forse sorprendente che il divario tra l’aspettativa di vita di uomini e donne sia più ristretto nei luoghi in cui le donne non hanno accesso ai servizi sanitari.

Nei paesi a basso reddito con servizi limitati, una donna su 41 muore per cause legate alla maternità, contro una su 3.300 donne nei paesi ad alto reddito.

Queste sono “differenze scioccanti”, ha detto ai giornalisti Samira Asma, responsabile dei dati e analisi dell’OMS.

Nel complesso, le statistiche hanno mostrato che l’aspettativa di vita è aumentata nella maggior parte dei paesi, compresi salti significativi in ??posti come l’Eritrea, dove si prevede che le persone vivano in media 22 anni in più rispetto ai 43 anni previsti nel 2000.

In Siria, nel frattempo, che è stata devastata da otto anni di conflitto, l’aspettativa di vita è diminuita di un decennio, da 73 anni nel 2000 a 63,8 anni nel 2016.

Nel frattempo, le persone negli Stati Uniti hanno visto la loro aspettativa di vita scivolare da 79 anni nel 2014 a 78,5 anni due anni dopo, i numeri dell’OMS hanno evidenziato.

L’asma è il calo mentre l’epidemia di obesità guida le statistiche tra le patologie.

Categorie:Dai media e web

Con tag: