Mangiare e bere

Sostanze nutritive dal cibo, non integratori, legate a minori rischi di morte, cancro

I ricercatori della Friedman School of Nutrition Science and Policy di Tufts hanno scoperto che l’assunzione adeguata di alcuni nutrienti dagli alimenti – ma non i supplementi – è legata a una riduzione della mortalità per tutte le cause.

Un adeguato apporto di alcuni nutrienti è associato a una riduzione della mortalità per tutte le cause quando la fonte di nutrienti sono gli alimenti, ma non gli integratori, secondo un nuovo studio. Non c’era alcuna associazione tra l’uso di integratori alimentari e un minor rischio di morte. Inoltre, l’assunzione di calcio in eccesso è legata ad un aumentato rischio di morte per cancro, che i ricercatori hanno trovato associato a dosi supplementari di calcio superiori a 1.000 mg / die. 

Lo studio è stato pubblicato il 9 aprile su Annals of Internal Medicine. “Mentre continuano a essere studiati i benefici potenziali e l’uso di integratori, alcuni studi hanno trovato associazioni tra eccesso di apporto di nutrienti e   , incluso un aumento del rischio di alcuni tumori”, ha detto Fang Fang Zhang, MD, Ph.D., professore associato presso la Friedman School of Nutrition Science and Policy alla Tufts University e autore dello studio. “È importante capire il ruolo che la sostanza nutritiva e la sua fonte potrebbero avere nei risultati di salute , in particolare se l’effetto potrebbe non essere vantaggioso.

Pubblicità e progresso

Lo studio ha utilizzato un campione rappresentativo a livello nazionale composto da dati provenienti da oltre 27.000 adulti statunitensi di età compresa tra 20 e 70 anni d’età per valutare l’associazione tra uso di integratori alimentari e morte per tutte le cause, malattie cardiovascolari (CVD) e cancro. I ricercatori hanno valutato se un’adeguata assunzione di nutrienti in eccesso fosse associata alla morte e se l’assunzione di  rispetto a fonti di integratori avesse avuto alcun effetto su queste associazioni. Per l’associazione tra assunzione di nutrienti e rischio di morte, i ricercatori hanno scoperto:

  • Assunzioni adeguate di vitamina K e magnesio erano associate a un minor rischio di morte;
  • Assunzioni adeguate di vitamina A, vitamina K e zinco erano associate a un minor rischio di morte per malattia cardiovascolare; e
  • L’assunzione eccessiva di calcio era associata ad un più alto rischio di morte per cancro.

Quando sono state valutate le fonti di assunzione di nutrienti (cibo vs integratore), i ricercatori hanno scoperto:

  • Il minor rischio di morte associato a un’adeguata assunzione di nutrienti di vitamina K e magnesio era limitato alle sostanze nutritive degli alimenti, non agli integratori;
  • Il minor rischio di morte per malattia cardiovascolare associato a un’adeguata assunzione di vitamina A, vitamina K e zinco era limitato alle sostanze nutritive degli alimenti, non agli integratori; e
  • L’assunzione di calcio da un totale di almeno 1.000 mg / die è stata associata ad un aumento del rischio di morte per cancro, ma non vi era alcuna associazione per l’assunzione di calcio dagli alimenti.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che gli integratori alimentari non hanno avuto alcun effetto sul rischio di morte negli individui con basso apporto di sostanze nutritive. Invece, il team ha trovato indicazioni che l’uso di supplementi di vitamina D da parte di individui senza alcun segno di carenza di vitamina D può essere associato ad un aumento del rischio di  per tutte le cause incluso il cancro. Sono necessarie ulteriori ricerche su questa potenziale connessione.

“I nostri risultati supportano l’idea che, mentre l’uso di integratori contribuisce ad aumentare il livello di assunzione totale di nutrienti, ci sono associazioni benefiche con sostanze nutritive da alimenti che non si vedono con integratori”, ha detto Zhang. “Questo studio conferma anche l’importanza di identificare la fonte di nutrienti nella valutazione dei risultati di mortalità”.

Lo studio ha utilizzato i dati di richiamo della dieta per 24 ore da sei cicli biennali della National Health and Nutrition Examination Survey, fino al 2010. Per ciascun nutriente, la dose giornaliera di integratore è stata calcolata combinando la frequenza con le informazioni sul prodotto per ingrediente, quantità di ingrediente per porzione e unità di ingrediente. L’assunzione dietetica di sostanze nutritive dagli alimenti è stata valutata utilizzando richiami dietetici su 24 ore. Gli esiti della mortalità sono stati ottenuti per ciascun partecipante attraverso il collegamento al National Death Index fino al 31 dicembre 2011, utilizzando una corrispondenza probabilistica.

Gli autori notano alcune limitazioni, inclusa la durata dell’uso di integratori alimentari studiati. Inoltre, la prevalenza e il dosaggio di uso di integratori alimentari è stato auto-segnalato e quindi è soggetto a bias di richiamo. Il confondimento residuo può avere un ruolo nelle associazioni osservate.

Categorie:Mangiare e bere, Terapie

Con tag: