Terapie

Una nuova molecola per combattere il diabete di tipo 2 e la steatosi epatica non alcolica

Da sinistra a destra, gli esperti Emma Barroso, Marta Montori, David Aguilar, Xavier Palomer, Lucia Peña, Gaia Botteri, Manuel Vázquez-Carrera, Mohammad Zarei e Javier Pizarro (UB / IBUB / CIBERDEM).

Una nuova molecola -EPB-53-, potrebbe aiutare a combattere il diabete di tipo 2 e la steatosi epatica non alcolica, secondo un nuovo studio condotto dal team di Manuel Vázquez-Carrera, della Facoltà di Farmacia e Scienze Alimentari e dell’Istituto della biomedicina dell’Università di Barcellona (IBUB) e del centro di ricerca biomedica per la ricerca sul diabete e le malattie metaboliche associate (CIBERDEM).

Altri partecipanti allo studio, pubblicati sulla rivista British Journal of Pharmacology, sono i membri dei team guidati dai ricercatori Francesc Villarroya, della Facoltà di Biologia e dell’Istituto di Biomedicina dell’Università di Barcellona (IBUB) e membro del Physiopathology of Obesity and Nutrition Networking Centro di ricerca biomedica (CIBERobn) e l’Istituto di ricerca Sant Joan de Déu; e Santiago Vázquez, dell’Unità di Chimica Farmaceutica della Facoltà di Farmacia e Scienze Alimentari dell’UB e IBUB.

Diabete: ricerca sui farmaci attivi somministrati per via orale

L’ormone FGF21, il fattore di crescita dei fibroblasti 21, è un fattore endocrino con un ruolo determinante nel metabolismo energetico come agente anti-diabete e anti-obesità. Questo ormone, che si sintetizza principalmente il fegato, è considerato un potenziale bersaglio terapeutico per il trattamento del diabete di tipo 2 e della steatosi epatica non alcolica, che di solito si verifica a causa dell’obesità e dell’insulino-resistenza. Tuttavia, i composti analogici FGF21 che hanno mostrato attività biochimica in modelli animali richiedono l’iniezione sottocutanea e possono generare effetti avversi (perdita di massa ossea, aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa, ecc.).

Secondo il nuovo studio pre-clinico, i livelli di FGF21 nel fegato e nel plasma possono aumentare attraverso la somministrazione orale della molecola EPB-53. “Questo effetto è possibile perché EPB-53 è una molecola che attiva l’HRI (chetasi eIF2? regolata dal emogruppo), una chinasi che può aumentare un fattore di trascrizione coinvolto nell’aumento di FGF21, tale da ridurre la tolleranza al glucosio e la steatosi epatica nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi “, osserva il ricercatore Manuel Vázquez-Carrera, del Dipartimento di Farmacologia, Tossicologia e Chimica Terapeutica dell’UB.

Un problema crescente sulla salute globale

Le conclusioni dello studio dimostrano che l’uso di composti induttori FGF21 potrebbe portare a nuove strategie terapeutiche per il trattamento del diabete di tipo 2 e della steatosi epatica non alcolica, analogamente a quanto avviene per i sottogruppi di composti analoghi.

“Inoltre, speriamo di vedere in futuri studi che questi non portino effetti avversi descritti in alcuni analoghi di FGF21. Pertanto, stiamo lavorando allo sviluppo di nuovi attivatori di HRI con migliori caratteristiche farmacocinetiche per il trattamento del diabete di tipo 2 come la steatoepatite non alcolica “, osserva Vázquez-Carrera.

L’incidenza del diabete mellito di tipo 2 è cresciuta tra la popolazione negli ultimi anni e i farmaci disponibili non sono in grado di controllare il progresso della malattia in tutti i pazienti. Inoltre, la steatosi epatica non alcolica colpisce una persona su quattro nei casi peggiori – la steatoepatite non alcolica – non hanno alcun farmaco specifico approvato. Trovare nuovi farmaci per la somministrazione orale è, quindi, una delle sfide della biomedicina per migliorare l’assistenza sanitaria per milioni di persone in tutto il mondo, colpite da queste malattie metaboliche.

Categorie:Terapie

Con tag:,