Terapie

Era diabete tipo 1 e non tipo 2

Il diabete di tipo 1 definito da grave insufficienza di insulina si verifica dopo i 30 anni d’età ed è comunemente trattato come diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo 1 a insorgenza tardiva può essere difficile da identificare. La misurazione della secrezione insulinica endogena utilizzando il peptide C fornisce una classificazione gold standard del tipo di diabete in quello di vecchia data che si riferisce strettamente ai requisiti del trattamento. I ricercatori dell’Istituto di Scienze Biomediche e Cliniche, Università di Exeter, Regno Unito hanno mirato a determinare la prevalenza e le caratteristiche del diabete di tipo 1 definito da grave carenza endogena di insulina dopo i 30 anni d’età e valutare se questi individui sono identificati e gestiti come affetti da diabete di tipo 1 nella pratica clinica.

Pubblicità e progresso

Sono state balutate le caratteristiche del diabete di tipo 1 definito dal rapido fabbisogno insulinico (entro 3 anni dalla diagnosi) e grave deficienza di insulina endogena (peptide C non a digiuno <200 pmol / l) in 583 partecipanti con diabete insulino-diagnosticato, diagnosticato dopo i 30 anni d’età, dalla coorte di popolazione Diabetes Alliance for Research in England (DARE). Quindi confrontate le caratteristiche con i partecipanti che avevano mantenuto la secrezione di insulina endogena (> 600 pmol / l) e 220 partecipanti con grave insulino-resistenza che sono stati diagnosticati sotto i 30 anni.

Il 21% dei partecipanti con diabete insulino-trattato che sono stati diagnosticati dopo i 30 anni ha incontrato i criteri di studio per il diabete di tipo 1 . Di questi partecipanti, il 38% non ha ricevuto insulina al momento della diagnosi, di cui il 47% è stato segnalato solo con diabete di tipo 2. Il rapido fabbisogno di insulina era altamente predittivo di grave carenza endogena di insulina: l’85% ha richiesto l’insulina entro 1 anno dalla diagnosi e il 47% di tutti quelli inizialmente trattati senza insulina che hanno progredito verso il trattamento con insulina entro 3 anni dalla diagnosi presentava una grave carenza endogena di insulina. I partecipanti con diabete di tipo 1 a insorgenza tardiva, definiti dallo sviluppo di una grave insufficienza della stessa, avevano caratteristiche cliniche simili a quelli con diabete di tipo 1 di giovane insorgenza. Tuttavia, quelli con esordio più tardivo del diabete di tipo 1 aveva un punteggio di rischio genetico di diabete di tipo 1 moderatamente inferiore (0,268 vs 0,279; p <0,001 [mediana della popolazione di diabete di tipo 2 atteso, 0,231]), una prevalenza di autoanticorpi superiore (GAD-, antigene isolotto 2 [IA2] – o proteina trasportatrice di zinco 8 [ZnT8] -positiva) del 78% a 13 anni vs 62% a 26 anni di durata del diabete; (p = 0,02), ed era meno probabile che si identificasse come affetto da diabete di tipo 1 (79% vs 100%; p <0,001) rispetto a quelli con malattia a insorgenza giovanile.

Il diabete di tipo 1 diagnosticato oltre i 30 anni di età, definito da grave insufficienza di insulina, hanno caratteristiche cliniche e biologiche simili a quelle che si verificano in età giovanile, ma spesso non vengono identificati. I medici devono essere consapevoli del fatto che i pazienti che passano all’insulina entro 3 anni dalla diagnosi hanno un’alta probabilità di diabete di tipo 1 , indipendentemente dalla diagnosi iniziale.

Ricerca pubblicata su Diabetologia del 10 aprile 2019.