Reni

Tra gli uomini livelli inferiori di creatinina possono indicare un elevato rischio di diabete tipo 2

La diminuzione dei livelli di creatinina sono associati ad un aumento del rischio di diabete tra gli uomini, in particolare per quelli di età superiore ai 45 anni, secondo i risultati presentati nel Journal of Diabetes Investigation.

“Il muscolo scheletrico è un obiettivo primario per l’azione dell’insulina. Quindi, una riduzione della massa muscolare scheletrica potrebbe potenzialmente innescare la resistenza all’insulina, che è un meccanismo di base del diabete “, ha scritto Huanhuan Hu, PhD , ricercatore senior presso il National Center for Global Health and Medicine in Giappone. “A causa della stretta associazione tra massa muscolare e creatinina … la creatinina sierica è anche usata come surrogato economico e facilmente disponibile della massa muscolare quando le funzioni renali sono stabili e l’assunzione di proteine ??è normale.”

Pubblicità e progresso

Hu e colleghi hanno condotto un’analisi prospettica utilizzando i dati di 31.343 uomini di età compresa tra i 20 e i 64 anni senza diabete al basale dello studio di collaborazione sull’epidemiologia del lavoro in Giappone. I partecipanti sono stati seguiti per una mediana di 7,7 anni fino a marzo 2017 e separati in quattro gruppi sulla base dei livelli basali di creatinina sierica: meno di 0,7 mg / dL (n = 1,492, età media, 44,9 anni), 0,7 mg / dL a 0,79 mg / dL (n = 6.405, età media, 42,6 anni), 0,8 mg / dL a 0,89 mg / dL (n = 10,848, età media, 42,1 anni) e 0,9 mg / dL a 1,2 mg / dL (n = 12,598, età media , 43,6 anni).

Durante il follow-up, i ricercatori hanno identificato 2.509 casi di diabete nella coorte di studio. Gli uomini con livelli sierici di creatinina inferiori a 0,7 mg / dL erano a più alto rischio per la condizione (HR = 1,56, IC 95%, 1,35-1,82) rispetto agli uomini con livelli di 0,9 mg / dL a 1,2 mg / dL anche dopo aggiustamenti per età, abitudine al fumo, BMI, ipertensione e dislipidemia. Uomini con livelli di creatinina sierica da 0,7 mg / dL a 0,79 mg / dL (HR = 1,22, IC 95% 1,09-1,35) e 0,8 mg / dL a 0,89 mg / dL (HR = 1,06, IC 95%, 0,96-1,17 ) erano anche a rischio completamente aggiustato rispetto agli uomini con livelli di 0,9 mg / dL a 1,2 mg / dL. I ricercatori hanno inoltre osservato che gli uomini di età pari o superiore a 45 anni presentavano un rischio maggiore in tutti i gruppi di creatinina rispetto agli uomini di età inferiore ai 45 anni ( P = 0,001).

“Dato che l’invecchiamento è anche associato con la compromissione della funzione delle cellule beta, si presume che gli anziani siano più propensi a sviluppare il diabete rispetto ai giovani adulti in presenza di insulino-resistenza”, hanno scritto i ricercatori. “Se questo è il caso, le persone anziane potrebbero trarre beneficio più dei giovani dall’allenamento anaerobico, che aumenta la massa muscolare e, di conseguenza, migliora la sensibilità all’insulina”.

Categorie:Reni

Con tag: