Terapie

Studio MASTERMIND: La ricerca informa sui migliori risultati nel trattamento del diabete di tipo 2

Una nuova ricerca aggiorna gli orientamenti per i medici sul modo migliore di trattare i pazienti con diabete di tipo 2 che non rispondono ai farmaci ipoglicemizzanti.

Fino ad ora non è chiaro cosa dovrebbero fare i medici se i pazienti hanno una risposta scarsa o nulla ai farmaci introdotti di recente. Alcune linee guida attualmente suggeriscono di interrompere il trattamento che sembra essere inefficace.

Pubblicità e progresso

Ora, un team dell’Università di Exeter ha analizzato i dati di 55.530 pazienti nel Regno Unito dal Clinical Practice Research Datalink (CPRD) con diabete di tipo 2. Tutti stavano iniziando il loro secondo o terzo farmaco per abbassare il glucosio. Il team ha esaminato i livelli medi di zucchero nel sangue nell’arco di un periodo da due a tre mesi, una misura nota come HbA1c. Per coloro che non presentavano un miglioramento di HbA1c o una risposta limitata dopo un trattamento di sei mesi, il team ha confrontato il risultato 12 mesi dopo per coloro che hanno continuato il trattamento invariato, passando a un nuovo trattamento o aggiunto una nuova terapia.

Gli autori hanno scoperto che non c’era quasi nessuna differenza nell’efficacia del passaggio a un altro farmaco per abbassare il glucosio o di continuare lo stesso farmaco immodificato. L’unico modo per migliorare efficacemente la glicemia in questa situazione era aggiungere un’altra terapia. Ciò era legato a una riduzione sostanzialmente migliore dei livelli di zucchero nel sangue rispetto al passaggio al trattamento o al mantenimento invariato.

Lo studio, pubblicato su BMC Medicine, è stato finanziato dal British Medical Research Council e sostenuto dal NIHR.

L’autore principale Andy McGovern, dell’Università di Exeter Medical School, ha dichiarato: “Il nostro studio è il primo a esaminare l’impatto dei cambiamenti del trattamento nelle persone con una risposta inizialmente limitata a una nuova terapia di abbassamento del glucosio. Mesi dopo aver iniziato un nuovo farmaco ipoglicemizzante, ma è probabile che rappresenti una variazione glicemica non correlata al trattamento, piuttosto che una mancata risposta biologica a una terapia “.

L’autore senior Angus Jones ha detto: “Dove che l’abbassamento del glucosio con la terapia non sembra essere efficace sui test iniziali HbA1c, cambiando gli agenti non si migliora il controllo del glucosio nel sangue. La nostra ricerca ha concluso che l’agente iniziale dovrebbe quindi essere continuato, finché è ben tollerato e dovrebbe essere prescritta una terapia aggiuntiva: questo è un cambiamento importante da praticare, poiché molte linee guida hanno precedentemente suggerito di passare a un trattamento diverso quando le misure di controllo della glicemia inizialmente non migliorano ”

Il documento completo si intitola “Cosa fare con le terapie del diabete quando l’abbassamento di HbA1c è inadeguato: aggiungere, cambiare o continuare? Uno studio MASTERMIND.”

Categorie:Terapie

Con tag:,