Sport e movimento

In che modo il tuo smartphone può incoraggiarti alla vita attiva

Gli smartphone sono ottimi strumenti di ricerca per i cittadini. Li portiamo ovunque e hanno le funzioni (GPS, accelerometri, fotocamera, audio, video) per rilevare, condividere e mobilitare i dati tra i cittadini consenzienti.

L’inattività fisica è il quarto principale fattore di rischio di morte a livello mondiale e ha raggiunto lo status di pandemia globale, una definizione che di solito è associata a malattie infettive come l’influenza.

Anche quelli di noi che sono fisicamente attivi ogni giorno possono essere abbastanza sedentari. Lavorando ogni giorno, ma trascorrendo il resto della giornata seduto su una sedia, questo è diventato la norma nel mondo moderno.

Sappiamo che anche aumenti moderati dell’attività fisica sono associati a rischi ridotti di malattie fisiche come cancro, patologie cardiache, ictus, diabete di tipo 2 e morbo di Parkinson. Sappiamo anche che l’esercizio migliora la nostra salute mentale e le prestazioni accademiche .

Oltre al considerevole rischio di malattia e morte, l’inattività fisica è responsabile di un notevole onere economico globale, con costi annuali conservativi per i sistemi sanitari in tutto il mondo che superano i 53,8 miliardi di dollari .

Nonostante questa prova incriminante contro l’inattività fisica e nonostante gli investimenti negli interventi di vita attiva, c’è stato un piccolo cambiamento nei livelli di inattività fisica globale .

Essendo un ricercatore che usa la tecnologia per capire l’inattività fisica delle popolazioni e influenzare la politica, questo stato di passività mi rende estremamente impaziente. È tempo di combattere il fuoco con il fuoco, riutilizzando gli stessi dispositivi che ci rendono più inattivi: lo smartphone.

Mobilitazione degli smartphone

Prima che i miei colleghi e sostenitori dell’attività fisica evitino questa idea, vorrei chiarire che non sto assolutamente suggerendo che abbiamo bisogno di più tempo per lo schermo.

Innanzitutto, il tempo sullo schermo non può essere generalizzato , poiché è accumulato su una moltitudine di dispositivi con motivazioni ed effetti vari .

In secondo luogo, tra tutti i dispositivi abilitanti per lo schermo, gli smartphone sono davvero onnipresenti, che in sostanza li rendono strumenti di equità nel 21 ° secolo che forniscono l’accesso a miliardi di persone in tutto il mondo .

Terzo, e probabilmente più pertinente all’attività fisica, gli smartphone sono gli unici strumenti digitali che quasi tutti noi portiamo letteralmente ovunque ed hanno le funzioni (GPS, accelerometri, fotocamera, audio, video) per rilevare, condividere e mobilitare i dati tra cittadini consenzienti.

Tuttavia, non pensiamo agli smartphone quando affrontiamo la pandemia di inattività fisica. Per me, lo smartphone è l’elefante nella stanza.

Una mappa che mostra le località degli scienziati cittadini che stanno contribuendo al progetto SMART Platform a Saskatoon

Capire cosa ci fa muovere

Non vi è alcuna indicazione che torneremo ai giorni senza questi dispositivi, quindi perché non sfruttare gli smartphone di proprietà dei cittadini per affrontare uno dei problemi di salute più urgenti della nostra vita?

La cittadinanza attiva non è limitata alle popolazioni fisicamente attive. In effetti, non mi interessa rendere più attivi gli individui attivi (io sono una di quelle persone) e quindi ampliare il divario esistente tra attivo e inattivo. Sono interessato a rendere le persone attive più attive e inattive più attive, utilizzando lo stesso dispositivo che è attualmente un ostacolo alla vita attiva.

Non sono sicuro di poter utilizzare il tempo di visualizzazione per ridurre il tempo di visualizzazione, che è qualcosa che stiamo cercando di capire. Ma non è radicale usare un dispositivo che quasi tutti possiedono per capire cosa ci fa muovere.

SMART Platform è una di queste iniziative. Stiamo coinvolgendo i cittadini attraverso i loro smartphone per capire la quantità di attività fisica che accumulano e come, perché, dove, quando e con chi si muovono.

Coinvolgere le persone è la chiave

Fotografando, registrando audio e video, tra molti altri approcci innovativi, le persone con cui ci stiamo impegnando ci stanno aiutando a costruire percorsi complessi per comprendere non solo i modelli di vita attiva, ma anche a sviluppare iniziative per affrontare urgenti crisi sanitarie.

Ad esempio, attraverso la piattaforma SMART stiamo conducendo diversi progetti come SMART Indigenous Youth, che coinvolge giovani indigeni ed educatori nelle zone rurali e remote attraverso smartphone per capire come la vita attiva possa migliorare la salute mentale.

Gli smartphone di proprietà dei giovani e dell’educatore svolgono un ruolo importante nel coinvolgimento a distanza in questo progetto, che è essenzialmente un intervento basato sulla comunità e incorporato nei programmi scolastici.

Ogni scuola impegnata in questo processo di comunità sta implementando il proprio intervento di vita attiva culturalmente appropriato basato sulla terra, informato dalle tradizionali conoscenze, dalla lingua e dalle preferenze locali. Le attività a terra comprendono l’identificazione delle piante, la caccia, la cattura e la pesca, tra le altre attività guidate dalle stagioni. In sostanza, educatori e giovani usano i loro smartphone per fornire le proprie prospettive come scienziati cittadini per aiutare a spiegare in che modo l’intervento stia cambiando i modelli di comportamento giovanile.

Pertanto, le implicazioni dell’utilizzo efficace di questo dispositivo vanno ben al di là delle ristrette discussioni sul tempo allo schermo o persino sulla vita attiva. Questo dispositivo può fornire voce alle persone e promuovere la cittadinanza attiva.

Quindi caro Roberto ti sto offrendo degli ottimi spunti per i progetti che hai in cantiere e devi sviluppare assieme ad Alessandra Mangatia, Alessandra Tartaglia, Gianluca Gambatesa, Sara Bencivenni, Klaudeta Kostaj nei prossimi mesi. Buon Lavoro a te ed AGD Bologna!

 

Categorie:Sport e movimento, Tecno

Con tag:,