Batticuore

La cena tardiva e la mancata colazione sono una combinazione killer

Le persone che saltano la colazione e mangiano la cena vicino all’ora di andare a letto hanno risultati peggiori dopo un infarto. Questo è il risultato della ricerca pubblicata oggi sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

Lo studio ha rilevato che le persone con le due abitudini alimentari avevano una probabilità quattro o cinque volte maggiore di morte, un altro attacco cardiaco o angina (dolore al petto) entro 30 giorni dalla dimissione ospedaliera per infarto.

Questo è stato il primo a valutare questi comportamenti non salutari nei pazienti con sindromi coronariche acute. La colazione saltata è stata osservata nel 58%, la cena a tarda notte nel 51% e entrambi i comportamenti nel 41%.

Lo studio ha arruolato pazienti con una forma particolarmente grave di infarto cardiaco chiamato infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI). “Un paziente su dieci con STEMI muore entro un anno, e la nutrizione è un modo relativamente economico e facile per migliorare la prognosi”, ha detto l’autrice dello studio dott.essa Marcos Minicucci, della São Paulo State University, Brasile.

Ha raccomandato un intervallo minimo di due ore tra la cena e l’ora di andare a letto. “Si dice che il modo migliore per vivere è fare colazione come un re”, ha aggiunto. “Una buona colazione di solito è composta da latticini (senza grassi o latte scremato, yogurt e formaggio), un carboidrato (pane integrale, bagel, cereali) e frutta intera. Dovrebbe contenere dal 15 al 35% del totale apporto calorico giornaliero. “

Lo studio ha incluso 113 pazienti con un’età media di 60 anni e il 73% erano uomini. Ai pazienti è stato chiesto di mangiare comportandosi come al momento del ricovero in una unità di terapia intensiva coronarica. Saltare la colazione era definito come niente prima di pranzo, escluse le bevande, come caffè e acqua, almeno tre volte a settimana. La cena a tarda notte era definita come un pasto entro due ore prima di andare a dormire almeno tre volte a settimana.

La dottoressa Minicucci ha notato che la cena a tarda notte era definita dall’intervallo di due ore tra la cena e l’ora di andare a letto, piuttosto che mangiare a tarda notte. Ma quasi tutti i partecipanti con questa abitudine erano in ritardo.

Studi precedenti hanno scoperto come le persone che perdono la colazione e hanno una cena tardiva hanno più probabilità di avere altre abitudini malsane quali il fumo e bassi livelli di attività fisica. “La nostra ricerca mostra che i due comportamenti alimentari sono collegati in modo indipendente con esiti peggiori dopo un attacco di cuore, ma avere un gruppo di cattive abitudini non farà che peggiorare le cose”, ha detto la Minicucci. “Le persone che lavorano fino a tardi possono essere particolarmente suscettibili ad avere una cena in ritardo e quindi non avere fame al mattino.”

“Pensiamo anche che la risposta infiammatoria, lo stress ossidativo e la funzione endoteliale potrebbero essere coinvolti nell’associazione tra comportamenti alimentari insalubri ed esiti cardiovascolari”, ha aggiunto.

In questo studio, l’uso di statine prima del ricovero ospedaliero era più alto nel gruppo con abitudini alimentari insalubri e risultati peggiori. La dottoressa Minicucci ha dichiarato: “Ci sono alcune controversie riguardo alle abitudini alimentari dei pazienti che usano le statine. Il nostro studio suggerisce che i pazienti con STEMI percepiscono le statine come un percorso alternativo ai benefici per la salute, ma questi farmaci dovrebbero essere un’aggiunta alle abitudini alimentari sane, non una sostituzione delle stesse”

Le persone che saltano la colazione e mangiano la cena vicino all’ora di andare a letto hanno risultati peggiori dopo un infarto. Questo è il risultato della ricerca pubblicata oggi sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

Lo studio ha rilevato che le persone con le due abitudini alimentari avevano una probabilità quattro o cinque volte maggiore di morte, un altro attacco cardiaco o angina (dolore al petto) entro 30 giorni dalla dimissione ospedaliera per infarto.

Questo è stato il primo a valutare questi comportamenti non salutari nei pazienti con sindromi coronariche acute. La colazione saltata è stata osservata nel 58%, la cena a tarda notte nel 51% e entrambi i comportamenti nel 41%.

Lo studio ha arruolato pazienti con una forma particolarmente grave di infarto cardiaco chiamato infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI). “Un paziente su dieci con STEMI muore entro un anno, e la nutrizione è un modo relativamente economico e facile per migliorare la prognosi”, ha detto l’autrice dello studio dott.essa Marcos Minicucci, della São Paulo State University, Brasile.

Ha raccomandato un intervallo minimo di due ore tra la cena e l’ora di andare a letto. “Si dice che il modo migliore per vivere è fare colazione come un re”, ha aggiunto. “Una buona colazione di solito è composta da latticini (senza grassi o latte scremato, yogurt e formaggio), un carboidrato (pane integrale, bagel, cereali) e frutta intera. Dovrebbe contenere dal 15 al 35% del totale apporto calorico giornaliero. “

Lo studio ha incluso 113 pazienti con un’età media di 60 anni e il 73% erano uomini. Ai pazienti è stato chiesto di mangiare comportandosi come al momento del ricovero in una unità di terapia intensiva coronarica. Saltare la colazione era definito come niente prima di pranzo, escluse le bevande, come caffè e acqua, almeno tre volte a settimana. La cena a tarda notte era definita come un pasto entro due ore prima di andare a dormire almeno tre volte a settimana.

La dottoressa Minicucci ha notato che la cena a tarda notte era definita dall’intervallo di due ore tra la cena e l’ora di andare a letto, piuttosto che mangiare a tarda notte. Ma quasi tutti i partecipanti con questa abitudine erano in ritardo.

Studi precedenti hanno scoperto come le persone che perdono la colazione e hanno una cena tardiva hanno più probabilità di avere altre abitudini malsane quali il fumo e bassi livelli di attività fisica. “La nostra ricerca mostra che i due comportamenti alimentari sono collegati in modo indipendente con esiti peggiori dopo un attacco di cuore, ma avere un gruppo di cattive abitudini non farà che peggiorare le cose”, ha detto la Minicucci. “Le persone che lavorano fino a tardi possono essere particolarmente suscettibili ad avere una cena in ritardo e quindi non avere fame al mattino.”

“Pensiamo anche che la risposta infiammatoria, lo stress ossidativo e la funzione endoteliale potrebbero essere coinvolti nell’associazione tra comportamenti alimentari insalubri ed esiti cardiovascolari”, ha aggiunto.

In questo studio, l’uso di statine prima del ricovero ospedaliero era più alto nel gruppo con abitudini alimentari insalubri e risultati peggiori. La dottoressa Minicucci ha dichiarato: “Ci sono alcune controversie riguardo alle abitudini alimentari dei pazienti che usano le statine. Il nostro studio suggerisce che i pazienti con STEMI percepiscono le statine come un percorso alternativo ai benefici per la salute, ma questi farmaci dovrebbero essere un’aggiunta alle abitudini alimentari sane, non una sostituzione delle stesse”