Counseling/consulenze

L’empatia può aiutare il comportamento cooperativo a “vincere” sull’egoismo: lo studio della teoria dei giochi

È una parte importante di ciò che ci rende umani: collaboriamo. Ma gli umani non sono santi. Molti di noi hanno maggiori probabilità di aiutare qualcuno che consideriamo buono rispetto a qualcuno che consideriamo un coglione.

Il modo in cui formiamo queste valutazioni morali degli altri ha molto a che fare con le norme culturali e sociali, così come la nostra capacità di empatia, la misura in cui possiamo assumere la prospettiva di un’altra persona.

In una nuova analisi, i ricercatori dell’Università della Pennsylvania studiano la cooperazione con un approccio evolutivo. Usando modelli basati sulla teoria dei giochi, mostrano che una capacità di empatia favorisce la cooperazione, secondo l’autore senior Joshua Plotkin, un biologo evoluzionista. I modelli mostrano anche che la misura in cui l’empatia promuove la cooperazione dipende dal sistema di una determinata società per la valutazione morale.

“Avere non solo la capacità, ma la volontà di prendere in considerazione la prospettiva di qualcun altro quando si formano giudizi morali tende a promuovere la cooperazione”, dice Plotkin.

Inoltre, l’analisi del gruppo punta a una conclusione incoraggiante. A parità di condizioni, l’empatia tende a diffondersi in una popolazione nella maggior parte degli scenari.

“Abbiamo chiesto, ‘può evolvere l’empatia?'”, Spiega Arunas Radzvilavicius, autore principale dello studio e ricercatore postdottorato che collabora con Plotkin. “E se gli individui iniziassero a copiare il modo empatico di osservare le reciproche interazioni? E abbiamo visto che l’empatia è cresciuta nella popolazione.”

Plotkin e Radzvilavicius sono coautori dello studio, pubblicato oggi su eLife, con Alexander Stewart, un assistente professore all’Università di Houston.

Moltissimi scienziati hanno sondato la questione del perché gli individui cooperino attraverso la reciprocità indiretta, uno scenario in cui una persona aiuta un’altra persona non a causa di un quid pro quo diretto, ma perché sa che quella persona è “buona”. Ma il gruppo Penn ha dato allo studio una sfumatura che altri non avevano esplorato. Mentre altri studi hanno assunto che le reputazioni siano universalmente note, Plotkin, Radzvilavicius e Stewart si resero conto che ciò non descriveva realisticamente la società umana, dove gli individui possono differire nella loro opinione sulla reputazione altrui.

“Nelle grandi società moderne, le persone non sono molto d’accordo sulla reputazione morale degli altri”, dice Plotkin.

I ricercatori hanno incorporato questa variazione di opinioni nei loro modelli, che immaginano come qualcuno scelga di lasciare o meno una donazione a una seconda persona in base alla reputazione di quella persona. I ricercatori hanno scoperto che la cooperazione era meno probabile che venisse sostenuta quando le persone non sono d’accordo sulla reciproca reputazione.

Fu allora che decisero di incorporare l’empatia, o teoria della mente, che, nel contesto dello studio, implica la capacità di comprendere la prospettiva di un’altra persona.

Ciò ha permesso alla cooperazione di vincere piùdelle  strategie egoistiche.

“Ha molto senso”, dice Plotkin. “Se non tengo conto del tuo punto di vista, ci saranno molte occasioni in cui ti giudico duramente quando non dovrei davvero farlo perché, dal tuo punto di vista, stavi facendo la cosa giusta.”

Per esplorare ulteriormente l’impatto dell’empatia sulla cooperazione, i ricercatori hanno esaminato una varietà di quadri, o norme sociali, che le persone potrebbero utilizzare per assegnare una reputazione a un’altra persona in base al loro comportamento. Ad esempio, la maggior parte delle strutture definisce qualcuno “buono” se ricompensa un individuo “buono”, ma le norme sociali differiscono nel modo in cui giudicano le interazioni con una persona ritenuta cattiva. Mentre la norma “a rigorosa valutazione” definisce “buono” chiunque punisca un cattivo attore, la norma della “semplice posizione” non richiede questo approccio punitivo: una persona “buona” può premiare una persona cattiva.

Plotkin, Radzvilavicius e Stewart hanno scoperto di nuovo che la capacità di empatia era importante. Quando le popolazioni erano empatiche, i giudici severi erano i migliori nel promuovere la cooperazione. Ma quando un gruppo era meno disposto ad assumere la prospettiva di un altro, le altre norme massimizzavano i tassi di cooperazione.

Questo risultato ha spinto il team a porre un’altra domanda evolutiva: se l’empatia stessa può evolversi e diventare stabile in una popolazione. E sotto la maggior parte degli scenari, la risposta era sì.

“Partendo da una popolazione in cui nessuno è empatico, con le persone che si giudicano a vicenda in base alla propria prospettiva, abbiamo visto che alla fine le persone copieranno il comportamento di coloro che giudicano in modo empatico”, afferma Plotkin. “L’empatia si diffonderà e la cooperazione può emergere”.

E’ stato il caso anche quando i ricercatori hanno tenuto conto di un certo numero di errori, rumore ed errata percezione nei loro modelli.

I risultati aprono una nuova area di ricerca sia per la teoria evolutiva che per gli studi empirici sul comportamento delle società.

“L’empatia è completamente estranea alla teoria dei giochi”, afferma Radzvilavicius. “In un certo senso è trovare una nuova nicchia per la ricerca in cui progredire in futuro, tenendo conto della teoria della mente “.

Guardando al futuro, il team di Penn spera di perseguire tali questioni, magari mettendo le diverse norme sociali l’una contro l’altra e infine mettendo alla prova le loro idee contro le osservazioni di persone reali, sia attraverso esperimenti che progettano o attraverso i dati raccolti dai social media .

“È ovvio che nei social media le persone sono acutamente consapevoli della loro personalità e reputazione pubblica e la curano attentamente”, dice Plotkin. “Sarebbe affascinante analizzare queste dinamiche evolutive mentre si svolgono nelle interazioni online.”