Varie

Il particolato elimina 125.000 anni di vita sana dalla popolazione infantile europea

Uno studio analizza il peso della malattia da 7 rischi ambientali per i bambini nei 28 paesi dell’Unione europea.

Uno studio condotto dall’istituto di Barcellona per la salute mondiale (ISGlobal), un centro sostenuto da “la Caixa”, ha stimato il carico di malattia per vari fattori di esposizione ambientale tra la popolazione infantile europea e ancora una volta evidenzia il rischio rappresentato dall’inquinamento atmosferico . Lo studio calcola che ogni anno l’esposizione a particolato inferiore a 10 microgrammi (PM10) di diametro e inferiore a 2,5 microgrammi (PM2,5) porta via 125.000 anni di vita sana dai bambini in Europa.

Questa analisi, pubblicata sull’International Journal of Environmental Research e Public Health, ha valutato l’onere della malattia per la popolazione infantile dei 28 paesi dell’Unione Europea per sette fattori di rischio ambientale: inquinamento atmosferico – PM10, PM2.5 e ozono – fumo passivo di tabacco, umidità, piombo e formaldeide.

I dati sulla popolazione e sulla salute sono stati compilati da diverse banche dati europee e l’analisi del carico ambientale della malattia è stata condotta in linea con l’approccio comparativo di valutazione del rischio proposto dal progetto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dal Global Burden of Disease (GBD). I ricercatori hanno calcolato gli anni di vita aggiustati per la disabilità (DALY), una misura dell’onere complessivo della malattia espresso come il numero di anni di vita in buona salute persi per malattia, invalidità o morte prematura.

Le conclusioni mostrano che i fattori di esposizione ambientale inclusi in questo studio portano via 211.000 anni di vita in buona salute dalla popolazione europea sotto i 18 anni, pari al 2,6% del totale. L’inquinamento atmosferico (PM10, PM2,5 e ozono) è stata l’esposizione più dannosa, causando fino al 70% degli anni di vita in buona salute persi, seguita dal fumo passivo del tabacco al 20%.

“I fattori ambientali inclusi nello studio sono stati scelti in base a vari criteri: sono le esposizioni per le quali esiste il maggior numero di dati a livello nazionale e anche quelli per i quali vi è evidenza di una relazione causale con effetti sulla salute, tra gli altri” afferma David Rojas, l’autore principale dello studio.

Il ricercatore sottolinea che “tra tutti i rischi studiati, il particolato è quello che causa il più grande carico di malattia, in quanto sono associati a malattie respiratorie, cardiovascolari, neurologiche, autoimmuni tra gli altri, così come alla maggiore mortalità infantile”. “In realtà, il loro impatto reale potrebbe essere superiore a quello indicato dalle nostre stime, in quanto abbiamo preso in considerazione solo i loro effetti sulla mortalità infantile e l’asma nel caso del PM10 e le infezioni del tratto respiratorio inferiore nel caso del PM2.5. “

Dei 28 paesi inclusi nello studio, 22 – le eccezioni erano Lussemburgo, Irlanda, Svezia, Estonia, Finlandia e Danimarca – i livelli di PM10 erano superiori a quelli raccomandati dall’OMS (media annuale inferiore a 20 g / m3) e tutti hanno mostrato livelli di ozono superiori a quelli considerati sicuri (una media di 100 g / m3 in otto ore).

Mark Nieuwenhuijsen, coordinatore dello studio e dell’iniziativa Urban Planning, Environment and Health di ISGlobal, sottolinea che “questo studio dimostra l’urgente necessità di attuare politiche efficaci per ridurre l’esposizione dei bambini ai fattori di rischio ambientale in tutta Europa, prestando particolare attenzione all’inquinamento dell’aria e fumo passivo “. Il ricercatore sottolinea inoltre che “devono essere create banche dati europee comuni per compilare e armonizzare i dati sull’esposizione per i fattori di rischio ambientale, specialmente nell’infanzia, nonché per condurre studi epidemiologici su più fattori di rischio ambientale”.

Categorie:Varie

Con tag:,