Batticuore

L’ipertensione contribuisce alla neuropatia nei diabetici di tipo 1

La neuropatia periferica diabetica (DPN) può portare a ulcerazioni del piede e amputazione. Non ci sono attualmente terapie modificanti la malattia per DPN. Lo scopo di questo studio multicentrico e internazionale capeggiato  dall’Istituto di Scienze Cardiovascolari, Università di Manchester, Regno Unito era di determinare se l’ipertensione contribuisca alla DPN in pazienti con DMT1.

I soggetti con T1DM (n = 70) e controlli (n = 78) hanno effettuato una valutazione completa della DPN.

Pubblicità e progresso

L’ipertensione era presente nei soggetti T1DM 40/70 e nei controlli 20/78. L’ipertensione era associata a parametri anormali di conduzione nervosa (P = 0,03- <0,001), aumento della soglia di percezione delle vibrazioni (P = 0,01) e riduzione della densità e lunghezza della fibra del nervo corneale (P = 0,02) nei soggetti con DM1. Tuttavia, dopo aggiustamento per fattori confondenti, solo il potenziale d’azione motoria del composto tibiale e la velocità di conduzione nervosa erano associati a ipertensione (P = 0,03) e pressione arteriosa sistolica (P <0,01- <0,0001). L’ipertensione non ha avuto effetti sulla neuropatia in soggetti senza diabete.

Questo studio dimostra che l’ipertensione è associata a una compromissione della conduzione nervosa nel DM1. Supporta precedenti piccoli studi che dimostrano come gli ACE-inibitori migliorano la conduzione nervosa e sostiene la necessità di studi clinici più ampi con agenti che abbassano la pressione sanguigna in DPN.

Pubblicato su American Journal of Hypertension del 23 arile 2019.