Mangiare

Lo stress fa crescere le voglie di cibo spazzatura, fare spuntini e mangiare meno frutta e verdura

L’aumento dello stress durante gli esami universitari è associato a una dieta di qualità inferiore, con meno frutta e verdura e più fast food, secondo uno studio osservazionale presentato al Congresso europeo sull’obesità (ECO) di quest’anno a Glasgow, Regno Unito (28 aprile-1 maggio).

“Lo stress è da lungo tempo implicato in una cattiva alimentazione. Le persone tendono a segnalare eccesso di cibo e trovare conforto mangiando cibi ricchi di grassi, zuccheri e calorie nei momenti di stress. I nostri risultati guardando come le abitudini alimentari degli studenti durante gli esami confermano questa dieta indotta dallo stress nelle ipotesi di deterioramento”, afferma la dott.ssa Nathalie Michels dell’Università di Ghent in Belgio che ha guidato la ricerca.

“È necessaria una dieta salutare per prestazioni accademiche e mentali ottimali, ma i nostri risultati suggeriscono che gli studenti hanno difficoltà a mangiare in modo sano e si trovano a adottare cattive abitudini alimentari che in alcune settimane possono influire notevolmente sulla salute generale ed essere difficili da cambiare”.

I risultati sono basati su un sondaggio online anonimo di 232 studenti (di età compresa tra 19 e 22 anni) reclutati dalla Ghent University e da altre università in Belgio. Prima e dopo il mese di esame a gennaio 2017, agli intervistati è stato chiesto di rivelare lo stress percepito e completare i questionari che hanno valutato i cambiamenti nei loro schemi dietetici e vari fattori psicosociali.

I ricercatori hanno studiato la relazione tra lo stress dell’esame e cambiamento nella qualità della dieta, e se queste associazioni erano modificate da fattori psicosociali quali comportamento alimentare (emotivo / esterno / trattenuto), scelta cibo, movente, preferenza di gusto, premio / sensibilità punizione, impulsività, coping di strategie, comportamento sedentario e supporto sociale.

Durante il periodo di esame di un mese, i partecipanti hanno trovato più difficile attenersi a una dieta sana, e solo un quarto soddisfaceva la raccomandazione dell’OMS di consumo di 400 g di frutta e verdura al giorno. Inoltre, gli studenti che segnalavano livelli più elevati di stress tendevano a fare spuntini più spesso.

I risultati suggeriscono che i mangiatori emotivi (che si nutrono in risposta alle emozioni negative), i mangiatori esterni (che mangiano in risposta alla vista o l’odore del cibo), gli amanti di dolci / grassi, le persone che sono fortemente motivati ??dalla salute (con la salute come motivo di scelta del cibo), sensibile alla ricompensa e alla punizione, altamente sedentario, e con livelli di stress più elevati sono maggiormente a rischio di scelte alimentari non salutari durante questo periodo stressante.

“Per combattere il mangiare indotto dallo stress, le strategie di prevenzione dovrebbero integrare gli aspetti psicologici e di stile di vita, compresa la gestione dello stress (ad esempio, allenamento per la regolazione delle emozioni, consapevolezza, yoga), educazione alimentare con tecniche per l’auto-efficacia, consapevolezza di mangiare senza fame, e creare un ambiente che stimoli una dieta sana e un’attività fisica “, afferma il dott. Michels.

Gli autori riconoscono che le loro scoperte mostrano differenze osservazionali, quindi non è possibile trarre conclusioni definitive su causa ed effetto. Indicano diverse limitazioni, tra cui quella di modelli dietetici basati su dati auto-segnalati che possono aver introdotto informazioni e bias di richiamo; e che la maggior parte (92%) dei partecipanti erano donne, le quali tendono a preferire cibi dolci e grassi come oggetti di conforto, e questo può limitare la generalizzabilità dei risultati agli uomini. Infine, date le dimensioni ridotte del campione, sono necessarie ulteriori ricerche.

Categorie:Mangiare

Con tag:,