Compliance

Fughino dai controlli

Istituire cliniche per il diabete scolastico per coinvolgere adolescenti che spesso “non sono stati portati in clinica” e migliorare l’autogestione.

Ottimizzare i tassi di frequenza nelle cliniche ambulatoriali è importante per garantire una buona assistenza sanitaria ed evitare sprechi nelle già scarse risorse mediche. Il Dipartimento di Pediatria del Plymouth Hospitals NHS Trust nel Regno Unito ha identificato una coorte di adolescenti che spesso non venivano portati (WNB) alle cliniche multidisciplinari per il diabete pediatrico, compromettendo la cura del paziente e riducendo la conformità con gli standard nazionali di controllo del diabete pediatrico (NPDA).

Mentre questi adolescenti frequentano cinque scuole secondarie locali, è stato avviato un progetto di miglioramento della qualità per testare il beneficio di portare le cliniche nelle scuole. Da gennaio 2017, dopo un intenso coinvolgimento con le parti interessate, a tutti gli adolescenti con diabete mellito di tipo 1 sono stati offerti controlli clinici trimestrali a scuola con un infermiere dedicato al diabete e un medico.in queste cinque scuole. 

È stata somministrata un’intervista semistrutturata per identificare le loro preoccupazioni sul diabete. HbA1c è stato controllato e sono stati scaricati i glucometri. I risultati sono stati confrontati con i precedenti 9 mesi. Sono stati presi di mira 34 adolescenti (17 inizialmente identificati come non frequentanti e 17 controlli nelle stesse scuole). Il tasso di WNB ospedaliero è stato ridotto del 50% nel gruppo di intervento e i pazienti non sono stati visti almeno una volta in 3 mesi ridotti dal 9/17 al 1/17. I pazienti adolescenti hanno espresso una maggiore esperienza positiva. 

Lacune rilevanti di conoscenza e difficoltà emotive sono state inoltre identificate e affrontate. Sono stati anche svelati problemi legati allo stile di vita non precedentemente conosciuti dal team, ad esempio, scarsa frequenza scolastica, bullismo o comportamenti ad alto rischio. Le cliniche scolastiche hanno migliorato i contatti in questo gruppo difficile da raggiungere.

Pubblicato su MBJ Journal del 22 aprile 2019.