Donne e diabete

Le linee austriache: Raccomandazioni di pratica clinica per il diabete in gravidanza – aggiornamento 2019

Nel 1989 la Dichiarazione di San Vincent (Italia) mirava a raggiungere risultati di gravidanza comparabili nelle donne diabetiche e non diabetiche. Tuttavia, attualmente le donne con diabete pre-gestazionale presentano ancora un rischio più elevato di morbilità perinatale e persino un aumento della mortalità. 

Questo fatto è in gran parte ascritto a un tasso persistentemente basso di pianificazione della gravidanza e cura pre-gravidanza con ottimizzazione del controllo metabolico prima del concepimento. Tutte le donne dovrebbero essere esperte nella gestione della loro terapia e sul controllo glicemico stabile prima del concepimento. Inoltre, la disfunzione tiroidea, l’ipertensione e la presenza di complicanze diabetiche devono essere escluse prima della gravidanza o trattati adeguatamente per ridurre il rischio di progressione delle complicanze durante la gravidanza e di morbilità materna e fetale.

Soprattutto nelle donne con diabete mellito di tipo 1 nelle prime fasi della gravidanza il rischio di ipoglicemia è più alto e diminuisce con la progressione della gravidanza a causa di cambiamenti ormonali che causano un costante aumento della resistenza all’insulina.

Inoltre, l’obesità aumenta in tutto il mondo e contribuisce ad aumentare il numero di donne in età fertile con diabete mellito di tipo 2 e ulteriore deterioramento degli esiti della gravidanza nelle donne diabetiche. Il controllo glicemico materno dovrebbe mirare a raggiungere la normoglicemia e livelli normali di HbA1c, e possibilmente senza ipoglicemia, ma è associata allo sviluppo di embriopatia diabetica e fetopatia se si manifesta la disglicemia. La terapia insulinica intensificata con più iniezioni giornaliere di insulina e il trattamento con la pompa sono efficaci nel raggiungere un buon controllo metabolico durante la gravidanza.

I farmaci ipoglicemizzanti orali (metformina) possono essere considerati in donne obese con diabete mellito di tipo 2 per aumentare la sensibilità all’insulina, ma dovrebbero anche essere prescritti con cautela a causa dell’incrocio della placenta e della mancanza di dati di follow-up a lungo termine della prole.

Pubblicato su Wiener klinische del 12 aprile 2019