Emozioniamo

L’ansia, i sintomi depressivi impediscono l’auto-cura del diabete

Gli adulti con diabete che hanno anche sintomi d’ansia o depressione possono essere meno propensi a svolgere pratiche di auto-cura, secondo i risultati pubblicati sul Journal of Diabetes and its Complications del 28 aprile 2019.

“La depressione è stata associata a peggioramenti della salute per le persone in tutto lo spettro del diabete, tra cui l’iperglicemia persistente, un pericolo più elevato per complicazioni vascolari correlate al diabete, risultati di intervento peggiori e tassi di mortalità più elevati negli studi longitudinali”, Giesje Nefs PhD , ricercatore post-dottorato per il Centro di ricerca sui disturbi psicologici e somatici all’Università di Tilburg nei Paesi Bassi, e alcuni colleghi hanno scritto. “Le caratteristiche delle persone con diabete che soffrono di ansia e depressione comorbida rimangono poco chiare, ma i rapporti suggeriscono che questa comorbilità combinata può essere associata con  l’avere complicazioni”.

Nefs e colleghi hanno esaminato i dati di 6.590 partecipanti combinati (53,3% donne) dagli studi MILES in Australia e nei Paesi Bassi. Della coorte totale, il 42% aveva diabete di tipo 1 (età media, 45 anni) e il 58% aveva diabete di tipo 2 (età media, 60 anni). I partecipanti hanno segnalato ansia e sintomi depressivi tramite questionari, che hanno valutato la gravità su scale da 0 a 21 e da 0 a 27, rispettivamente. Un punteggio di 10 o più sintomi elevati indicati su entrambi i questionari. I partecipanti hanno anche riferito pratiche di auto-cura, tra cui l’aderenza ai farmaci, la dieta, l’esercizio fisico e il monitoraggio della glicemia.

Il nove per cento dei partecipanti ha riferito di avere sintomi ansiosi / depressivi, con il 2% che riportava solo i sintomi dell’ansia. Più partecipanti con diabete di tipo 2 hanno soddisfatto i criteri per i sintomi depressivi elevati da soli rispetto ai partecipanti con diabete di tipo 1 (11% vs 8%; P = .002).

L’uso di insulina era meno probabile (OR = 0,3, IC 95%, 0,16-0,6) e la durata del diabete era più lunga (OR = 1,05, IC 95%, 1,01-1,09) per quelli con diabete di tipo 2 che riportavano alti tassi di sintomi d’ansia rispetto a quelli che non l’hanno fatto, i ricercatori hanno scritto. I ricercatori hanno anche osservato risultati opposti in quelli con sintomi depressivi più alti, osservando che la durata del diabete era più breve (OR = 0,98; IC 95%, 0,96-0,99) e l’uso di insulina più frequente (OR = 1,4; IC 95%, 1,1-1,77 ) in questo gruppo rispetto a quelli senza sintomi depressivi elevati.

I partecipanti con diabete di tipo 1 e più ansia e sintomi depressivi erano a quote più elevate per “comportamenti di auto-cura non ottimali”, tra cui mancate iniezioni di insulina (OR = 3,16, IC 95%, 2,13-4,69), non monitoraggio della glicemia (OR = 1,56 95% CI, 1.17-2.07) e non assunzione dei farmaci che abbassano la pressione sanguigna come prescritto (OR = 2.42; IC 95%, 1.16-5.04), rispetto a quelli senza sintomi.

I partecipanti con diabete di tipo 2 con livelli più elevati di ansia e sintomi depressivi erano anche a rischio di comportamenti come scarsa aderenza ai farmaci volti a ridurre la glicemia (OR = 2,49, IC 95%, 1,81-3,42), colesterolo (OR = 1,71; IC 95%, 1,24-2,33) e BP (OR = 2,22, IC 95%, 1,59-3,11) rispetto a quelli senza questi sintomi.

Inoltre, i partecipanti con ansia e sintomi depressivi avevano probabilità più elevate di non mantenere una dieta sana (OR = 3,47, IC 95%, 2,44-4,93 nel diabete di tipo 1, OR = 4,63, IC 95%, 3,5-6,14 nel diabete di tipo 2 ) e non esercitarsi regolarmente (OR = 2,54, IC 95%, 1,92-3,37 nel diabete di tipo 1, OR = 2,75, IC 95%, 2,15-3,52 nel diabete di tipo 2) rispetto a quelli senza sintomi, hanno scritto i ricercatori.

“Oltre agli effetti potenzialmente negativi sulla salute fisica, l’ansia / depressione comorbida potrebbe avere un’altra rilevanza per la pratica clinica. … Un’ulteriore attenzione alle persone che presentano questa comorbilità è quindi giustificata nella pianificazione del trattamento e nell’assegnazione delle risorse “, hanno scritto i ricercatori. “È importante che gli operatori sanitari controllino la comorbilità psicologica, mettendola all’ordine del giorno nella cura regolare e usando i questionari, poiché sono disponibili trattamenti efficaci per l’ansia e la depressione.”

Categorie:Emozioniamo

Con tag:,,