Emozioniamo

W la natura!

Perché alcuni medici stanno prescrivendo una giornata al parco o una passeggiata sulla spiaggia per una buona salute?

Fare una passeggiata su un sentiero boscoso, passare un pomeriggio in un parco pubblico, gestire il giardino sul retro e persino guardare bellissime foto delle Hawaii può farci sentire bene. Certamente, per molti di noi, è utile avere del tempo per stare fuori in ambienti naturali. Essere rinchiusi all’interno può sembrare innaturale e aumentare il nostro desiderio di uscire. Il famoso biologo EO Wilson ha creato una teoria chiamata ipotesi della biofilia , in cui affermava che le persone hanno una relazione innata con la natura.

  A livello intuitivo, questo ha senso. Gli esseri umani si sono evoluti in un ambiente naturale e aperto e toglierci da questo ambiente potrebbe avere un effetto negativo sulla nostra salute. Ma cosa dice la ricerca? Esistono prove del fatto che essere in ambienti naturali può promuovere il nostro benessere, prevenire le malattie e accelerarne il recupero?

Natura e guarigione

Il lavoro pionieristico in quest’area iniziò negli anni ’80 con Robert Ulrich, che era professore alla Texas A & M University. Il suo lavoro ha esaminato i pazienti chirurgici che avevano una vista degli alberi fuori dalla loro finestra rispetto a quelli che avevano la vista di un muro. Quelli con la vista naturale hanno riportato meno dolore e trascorso meno tempo in ospedale.

Da allora, diversi studi hanno dimostrato una riduzione del dolore sia attraverso la visualizzazione di scene naturali sia guardando video e immagini della natura.

Altri studi hanno esaminato l’effetto dell’esposizione alla luce diurna sui pazienti e riscontrato che hanno sperimentato meno dolore, stress e uso di farmaci antidolorifici rispetto ai pazienti che non avevano esposizione alla luce naturale. Esistono anche prove preliminari che i giardini ospedalieri possono alleviare lo stress sia nei pazienti che nelle loro famiglie.

Nell’ambito della progettazione di strutture sanitarie, sembra esserci una consistente evidenza che l’esposizione ad ambienti naturali abbia un effetto positivo su dolore, stress, ansia, pressione arteriosa e frequenza cardiaca. Nel Centro per la salute e la natura, una joint venture tra la mia università Texas A & M, Houston Methodist Hospital e non profit Texan by Nature, i nostri nuovi studi stanno valutando se questi effetti si estendono al mondo virtuale, inclusi VR immersivi e finestre virtuali.

Un effetto preventivo?

Mentre la natura sembra essere utile nel ripristinare la salute dopo la malattia, può davvero aiutarci a mantenerci sani? I ricercatori di tutto il mondo si sono fatti questa domanda.

Dal bagno in foresta (“shinrin-yoku”) in Giappone alla campagna 30 giorni nel Regno Unito, che incoraggia le persone a connettersi ai luoghi selvaggi, le persone hanno esaminato i poteri curativi della natura.

Mentre il camminare è ben definito come un comportamento che promuove la salute, gli studi stanno ora esaminando se farlo in ambienti naturali è più vantaggioso di quelli interni o in ambienti urbani. I risultati hanno mostrato effetti positivi per la salute mentale , una migliore attenzione , umore , pressione sanguigna e battito cardiaco. Diversi programmi in tutto il paese sono stati formati per esporre veterani militari in spazi naturali per combattere i sintomi del DPTS. Nei bambini, i parchi giochi con spazio verde hanno aumentato la vigorosa attività fisica e diminuito il tempo sedentario e anche portato a un minor numero di conflitti.

Mentre vi è una crescente evidenza che l’esposizione ad ambienti naturali è benefica per la salute ci sono ancora molte domande a cui rispondere. Cos’è la natura? Mentre questo può sembrare semplice a prima vista, ci sono molte differenze tra un parco nazionale, un parco urbano e un quadro di onde che si infrangono sulla spiaggia. Qual è la dose della natura necessaria?

Nell’attività fisica, vi è consenso scientifico sul fatto che le persone abbiano bisogno di 150 minuti a settimana per una buona salute. Quanto e quanto spesso l’esposizione alla natura è necessaria per una salute migliore? In che modo le dosi più lunghe – come un weekend in una foresta – e le dosi più brevi – come una passeggiata in un parco – ci influenzano? Quale parte sensoriale della natura ci sta influenzando? È vista, suono, odore, tatto o una combinazione di essi?

Un recente articolo ha proposto di potenziare la funzione immunitaria come via centrale per la varietà di risultati positivi ottenuti dall’esposizione alla natura. Questo deve essere testato.

Nonostante la necessità di ulteriori ricerche, il bisogno di una maggiore esposizione alla natura è urgente. L’Environmental Protection Agency stima che gli americani, in media, trascorrano il 90% del loro tempo in casa. Uno studio nel Regno Unito ha scoperto che i bambini trascorrono solo la metà del tempo all’aperto rispetto ai loro genitori.

Ci sono segnali che un movimento per la natura sta iniziando a prendere piede. Il programma di 30 giorni Wild gestito da Wildlife Trusts nel Regno Unito ha incoraggiato le persone a impegnarsi con la natura ogni giorno per un mese. Nel suo primo anno, più di 18.000 persone si sono iscritte. Ricomincia il 1 giugno 2019.

I medici in Scozia sono ora in grado di offrire prescrizioni naturali ai loro pazienti. Il volantino didattico che forniscono descrive numerose attività mensili tra cui toccare l’oceano, portare un cane a fare una passeggiata e seguire un calabrone. Negli Stati Uniti, il programma Park Rx America ha lavorato per collegare lo spazio esterno disponibile al pubblico ai medici per farli prescrivere la natura.

Quando arriva la primavera, è il momento di impegnarsi a trascorrere più tempo in natura. Una salute migliore potrebbe essere letteralmente facile come una passeggiata nel parco.

A tale proposito sarebbe se questo blog assieme ad AGD Bologna promuovesse una iniziativa del genere a partire dalla sede stessa di AGD, per bimbi, ragazzi e adulti tutti insieme: fa bene!