Ricerca

Come ti blocco il diabete tipo 1?

Rohit N. Kulkarni, MD, PhD, Co-Section Head of Islet and Regenerative Biology presso Joslin Diabetes Center e Professor of Medicine presso la Harvard Medical School.

Spingere alla proliferazione precoce delle cellule beta può fermare l’attacco autoimmune nel modello di diabete di tipo 1.

BOSTON – (6 maggio 2019) – Molte cure in fase di sviluppo per il diabete di tipo 1 si sono comprensibilmente concentrate sull’affrontare l’aspetto autoimmune della malattia prima di trovare un modo per sostituire le cellule beta distrutte. Ma cosa succederebbe se ci si  concentrasse prima sulle cellule beta per poter prevenirne completamente la distruzione?

Pubblicità e progresso

I ricercatori di Joslin hanno scoperto che aumentando la proliferazione e il turnover delle cellule beta prima che i segni di diabete di tipo 1 possano arrestare lo sviluppo della malattia, in modelli animali, arresta l’attacco autoimmune. I ricercatori del laboratorio di Rohit N. Kulkarni MD PhD, Professore di Medicina e Co-Sezione Isole, Biologia Rigenerativa del Centro Diabete Joslin, hanno spinto la crescita delle cellule beta mentre gli animali erano ancora giovani – significa che gli organi del sistema immunitario erano ancora in via di sviluppo e suscettibili di manipolazione. I risultati sono stati pubblicati oggi su Nature Metabolism.

“Siamo chiaramente i primi a dimostrare che se  si spinge a generare una proliferazione continua di nuove cellule beta produttrici di insulina prima che inizi l’invasione delle cellule immunitarie, per un qualche motivo che stiamo ancora cercando di capire, le cellule immunitarie smettono di attaccare la cellula beta, “dice il dott. Kulkarni.

Questa sorprendente scoperta è stata accuratamente scandagliata nel laboratorio del Dr. Kulkarni in esperimenti condotti da Ercument Dirice PhD, HMS Istruttore in Medicina e ricerca presso il Joslin Diabetes Centre. Gli studi sono stati completati in due diversi modelli di topo predisposti per il diabete. Il primo era un modello geneticamente modificato che mostrava un aumento della crescita delle cellule beta subito dopo la nascita, mentre il secondo modello veniva iniettato in tenera età con un agente noto per aumentare la proliferazione delle cellule beta. Quindi, hanno raccolto campioni dalla milza per monitorare il numero di cellule T e B, entrambi coinvolti nelle reazioni autoimmuni associate al diabete di tipo 1. Quando i ricercatori hanno trapiantato le cellule dell’isoletta raccolte dagli animali protetti a un altro topo, i riceventi hanno mostrato protezione dalla reazione autoimmune per un tempo più lungo.

“È molto eccitante osservare che indurre la replicazione delle cellule beta in modo tempestivo ha portato a un profilo immunitario rimodellato in grado di proteggere specificamente le cellule beta prese di mira”, ha detto il dott. Dirice,

“Anche in un modello di topo altamente suscettibile, quando spingi la proliferazione a generare nuove cellule beta, il 99 percento degli animali è sopravvissuto – e quasi fino a due anni, il che è molto insolito”, afferma il dott. Kulkarni.

Qualcosa sul rapido ribaltamento delle cellule beta “confonde” la reazione autoimmune, in un certo senso. Le cellule beta non sembrano presentare gli autoanticorpi tipici della progressione del diabete di tipo 1. Inoltre paiono essere più resistenti allo stress, che era una scoperta secondaria della porzione di trapianto degli esperimenti. Questa resistenza allo stress potrebbe influire sulla loro capacità di resistere a qualsiasi attacco autoimmune.

“Riteniamo che ci siano alcune alterazioni nelle nuove cellule beta in cui un numero di cellule presentate come autoantigeni sono ridotte o diluite, e quindi, a causa della presentazione lenta degli antigeni, il numero di cellule T autoreattive è meno patogeno”, dice Dr. Kulkarni. “Chiaramente c’è un collegamento tra questi due processi: un meccanismo preciso, i percorsi e le proteine ??coinvolte richiederanno uno studio di follow-up”.

Questo non è il primo indizio che la proliferazione delle cellule beta potrebbe essere una sorta di fattore protettivo per le persone con diabete di tipo 1. Lo studio sui diabetici tipo 1 veterani del Joslin ha dimostrato che molti di quelli con diabete di tipo 1 di lunga durata conservano ancora alcune funzioni e una crescita delle cellule beta oltre 50 anni dopo la loro diagnosi.

Una volta compreso il processo di utilizzo della proliferazione delle cellule beta come misura preventiva, si potrebbe passare a studi sull’uomo e clinici. Trovare la finestra giusta per forzare la proliferazione delle cellule beta negli esseri umani potrebbe ritardare o persino impedire la distruzione delle cellule beta da parte delle cellule autoimmuni. Un certo grado di autoimmunità sarebbe ancora presente nel corpo, tuttavia, richiederebbe, quindi, ancora un trattamento appropriato per sopprimere il sistema immunitario.

Questo studio è stato sostenuto in parte da una sovvenzione della JDRF. “Mentre lavoriamo allo sviluppo di strategie per sostituire o riguadagnare le cellule produttrici di insulina per curare il T1D, questo lavoro dei Drs. Kulkarni e Dirice ci fornisce importanti informazioni su come proteggere le nuove cellule dall’attacco autoimmune.Questo è un grande esempio dell’importanza del programma di formazione della JDRF per lo sviluppo di nuovi scienziati T1D di successo. ” Detto Frank Martin, PhD, direttore associato JDRF per la ricerca.

“Siamo davvero entusiasti di portare avanti simili progetti”, afferma Dr Kulkarni. “Speriamo ora di poter cominciare a pensare a come tradurre questo per gli umani.”

Categorie:Ricerca

Con tag:,