Ricerca

History of D and D by Day

La resistenza all’insulina negli adulti con diabete di tipo 1 è associata a una concentrazione sierica inferiore di vitamina D.

Il diabete mellito di tipo 1 (T1DM) è una malattia caratterizzata da un’assoluta mancanza di secrezione di insulina endogena. La resistenza all’insulina (IR) può svilupparsi tra i pazienti con DM1. Il deficit di vitamina D è stato segnalato come un fattore di rischio nello sviluppo di IR. Lo scopo dello studio, condotto dai ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna e Diabetologia, Università Poznan, Polonia era di valutare la relazione le concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D (25 (OH) D) e IR tra i pazienti con DM1.

Il gruppo di test consisteva di 110 pazienti adulti [maschi = 65 (59%)] con T1DM. I partecipanti sono stati reclutati in Polonia tra il 1 °ottobre e il 30 ° aprile a 2015/2016 e 2016/2017. Il livello sierico VD è stato valutato mediante array ELISA. IR è stata valutata dalla stima tasso di smaltimento del glucosio (eGDR).

Nel gruppo di studio 21 pazienti (19%) sono stati riconosciuti come IR in base ai cut-off di eGDR (<7,5 mg / kg / min), 52 (47,3%) pazienti con deficienza di VD (25 (OH) D <20 ng / ml ), 16 (14,5%) pazienti avevano 25 (OH) D <10 ng / ml. Solo 6 (5%) partecipanti hanno riferito la supplementazione di VD. I pazienti con IR, secondo il cut-off di eGDR hanno rivelato un livello sierico significativamente più basso di 25 (OH) D 15.7 (9.2-28.4) vs. 22.1 (13.0-38.4) ng / ml; p = 0,04 rispetto ai pazienti senza IR. L’analisi di R Spearman ha trovato una relazione positiva tra VD ed eGDR (R = 0,27; p <0,01). L’analisi di regressione logistica ha rivelato una relazione significativa tra la presenza di IR e VD livello sierico / presenza di 25 (OH) D livello sierico inferiore a 10 ng / ml, entrambi i modelli aggiustati per sesso, età, BMI, LDL e trigliceridi, di conseguenza (OR = 0,95 , CI: 0,90-0,99; p = 0,04) e (OR = 4,19, CI: 1,04-16,93; p = 0,04).

La concentrazione sierica di vitamina D è negativamente associata all’insulino-resistenza nei pazienti con DM1 e può avere implicazioni cliniche.

Pubblicato su Experimental and Clinical Endocrinology & Diabetes del 3 maggio 2019.