Ricerca

Per veri duri: come la metabolomica ti dice certe cose sulle tue arterie

Gli additivi alimentari utilizzati per migliorare il gusto del brodo di pollo sono uno dei molti fattori che possono portare ad indurire le arterie.

Un nuovo studio dell’Università della Georgia individua i fattori dello stile di vita che potrebbero portare a indurire le arterie.

Uno dei più grandi del suo genere, lo studio ha eseguito un profilo metabolomico non mirato di oltre 1.200 partecipanti al Bogalusa Heart Study per identificare i metaboliti legati all’indurimento delle arterie.

L’indurimento delle arterie, o rigidità arteriosa, è un fattore di rischio indipendente per la cardiopatia e morte, i meccanismi che contribuiscono all’irrigidimento arterioso non sono ben compresi.

Ecco dove la metabolomica può aiutare a sollevare il sipario su come e quando inizia la rigidità arteriosa.

La metabolomica è lo studio dei metaboliti, che vengono creati ogni volta c’è un trasferimento di energia nel corpo. I metaboliti svolgono un ruolo chiave nel mantenimento della normale funzione del corpo e le variazioni dei livelli metabolici possono riflettere il modo in cui i fattori ambientali, come il fumo, la dieta o gli inquinanti, influenzano la salute.

“La metabolomica può misurare con precisione la quantità di esposizioni che entrano nel corpo”, ha detto l’autore dello studio Changwei Li.

“In questo studio, abbiamo identificato molti metaboliti legati al bere il caffè, alcolici, cibi e integratori alimentari, persino pesticidi”, ha detto Li, un assistente professore di epidemiologia e biostatistica presso il College of Public Health dell’UGA.

Utilizzando il pannello più aggiornato dei metaboliti, Li e i suoi colleghi hanno condotto un’analisi sui campioni di sangue dei partecipanti, alla ricerca di esposizioni ambientali che hanno avuto un impatto sulle misure di rigidità arteriosa.

Lo studio ha trovato 27 nuovi metaboliti associati alla rigidità arteriosa.

“Siamo stati in grado di identificare alcuni metaboliti correlati all’ambiente e allo stile di vita, costruire reti di metaboliti per mostrare come il corpo reagisce alle esposizioni ambientali e, cosa più importante, testare l’effetto di questi metaboliti sulla rigidità arteriosa”, ha detto Li.

La maggior parte di questi erano associati ad altri noti fattori di rischio di rigidità arteriosa come ipertensione, colesterolo alto o diabete.

Ma alcuni di questi metaboliti sono additivi alimentari e ingredienti alimentari trovati in molte cucine degli Stati Uniti.

Ad esempio, il team ha identificato due peptidi – gamma-glutamilvalina e gamma-glutamilisoleucina – comunemente utilizzati per insaporire il del brodo di pollo.

“Il nostro studio ha sollevato la possibilità che tali additivi possano causare rigidità arteriosa e, dato l’ampio utilizzo di tali additivi, sono necessari studi futuri per investigare il loro ruolo nella rigidità arteriosa”.

Per essere chiari, ha detto Li, lo studio attuale è un’istantanea dei metaboliti. La relazione tra alcuni metaboliti e la rigidità arteriosa nel tempo non è chiara e ha in programma di eseguire nuovamente questo studio utilizzando dati longitudinali.

Categorie:Ricerca

Con tag:,