Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Wait or not wait: what to do?

La diabetologa Polkeva Wainvanska in un momento della ricerca applicata nella pratica.

Il tempo di attesa rimane con la più recente tecnologia di monitoraggio della glicemia in tempo reale durante l’esercizio aerobico negli adulti che vivono con diabete di tipo 1.

I dispositivi di monitoraggio continuo della glicemia in tempo reale (CGM) aiutano a rilevare le escursioni glicemiche associate all’esercizio fisico, ai pasti e alla somministrazione di insulina nei diabetici di tipo 1 (T1D). Tuttavia, il ritardo tra interstiziale e glicemia può causare, col CGM, una  sottostima del vero cambiamento della glicemia durante l’attività. Lo scopo di questo studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Kinesiologia e Scienze della salute, Facoltà di Medicina, Centro di ricerca sulla salute dei muscoli, Università di York, Toronto, Canada, era di esaminare le discrepanze del CGM durante l’esercizio fisico e il pasto post-esercizio rispetto all’autocontrollo della glicemia (SMBG). 

Pubblicità e progresso

Diciassette adulti con T1D utilizzando la terapia con pompa per insulina e CGM hanno completato 60 minuti di esercizio aerobico in tre occasioni. Un pasto standardizzato è stato dato a 30 min dalla cessazione dell’attività. L’SMBG è stato misurato durante l’esercizio e il recupero utilizzando OmniPod ®Personal Diabetes Manager (PDM, Insulet, Billerica, MA) con glucometro integrato (FreeStyle, Abbott Laboratories, Abbott Park, IL), mentre CGM è stato misurato con Dexcom G4 ® con algoritmo 505 ( n ?= 4) o G5 ® ( n ?= 13), che sono stati calibrati con il PDM dei soggetti. 

Il SMBG ha mostrato un forte calo della glicemia durante l’esercizio, mentre la CGM ha evidenziato un ritardo di 12 ± 11 (media ± deviazione standard) e un bias di -7 ± 19 mg / dL / min durante l’attività. La differenza relativa assoluta (MARD) media per CGM versus SMBG era 13 (6-22)% [mediana (intervallo interquartile)] durante l’esercizio e 8 (5-14)% durante i pasti. Le griglie di errore di Clarke hanno mostrato che i valori CGM erano nelle zone A e B 94% -99% del tempo per SMBG.

Riassumendo, il calo del CGM è in ritardo rispetto al calo della glicemia durante l’esercizio aerobico prolungato di 12 ± 11 min, mentre la MARD aumenta fino al 13 (6-22)% durante l’esercizio. Pertanto, se si sospetta l’ipoglicemia durante l’esercizio, gli individui devono confermare i livelli di glucosio con una misurazione del glucosio capillare.

Lo studio è pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes Technology & Therapeutics del 6 maggio 2019.