Ricerca

Il ruolo del disagio psicologico e del mangiare emotivo nell’obesità

Una nuova ricerca, pubblicata nella rivista di ricerca Obesity, ha scoperto che le persone con redditi più bassi possono avere maggiori probabilità di divenire obese a causa del disagio psicologico che provoca un’alimentazione emotiva per farvi fronte.

La ricerca dell’Università di Liverpool e della Edith Cowan University (ECU) ha esplorato se la relazione tra stato socioeconomico inferiore (SES) e obesità sia spiegata da stress psicologico e successiva alimentazione emotiva come strategia di coping.

Pubblicità e progresso

150 partecipanti provenienti dal nord-ovest dell’Inghilterra e da una serie molteplice e diversa di background socio-economici hanno completato questionari che misurano il disagio psicologico, il mangiare emotivo e la capacità di recupero. Hanno riportato il loro reddito e livello di istruzione come un indicatore dello stato socioeconomico e della loro altezza e peso al fine di calcolare l’indice di massa corporea (BMI).

Lo studio, condotto dalla dott.ssa Charlotte Hardman dell’Università di Liverpool, ha rilevato che il SES più basso era associato a un maggiore disagio psicologico, e un disagio più elevato era associato a un maggiore consumo emotivo, il quale, a sua volta aveva predetto un BMI più alto.

Più che l’accesso a cibi ipercalorici

Lo studio ha dimostrato che il disagio psicologico da solo non facilita una relazione tra SES e BMI più bassi.

Dr Hardman, ha dichiarato: “I nostri risultati suggeriscono che l’esperienza di stress psicologico associato alla vita in circostanze socioeconomiche più basse è connesso a una dieta emotiva per farvi fronte, che a sua volta è associata all’obesità.

“La ragione delle disparità socioeconomiche nei livelli di obesità è spesso attribuita alla maggiore disponibilità di alimenti a basso costo, calorico-denso in aree più svantaggiate rispetto a quartieri più ricchi, ma ci sono prove limitate di un’associazione tra ambienti alimentari locali e obesità , indicando fattori psicologici ed emotivi come codeterminanti e aventi un ruolo in tutto questo.

“Questa scoperta suggerisce che non è di per sé un disagio, ma le strategie di coping delle persone per affrontare il disagio possono essere fondamentali nello spiegare il legame tra svantaggio socioeconomico e peso corporeo”

Cibo emotivo e stato socioeconomico più elevato

Lo studio ha anche rivelato una scoperta inaspettata. Il SES più elevato era anche associato al mangiare emotivo, tuttavia, questo percorso non era in risposta a un significativo disagio psicologico.

La dott.ssa Joanne Dickson, ECU, ha dichiarato: “È quindi possibile che i partecipanti con un SES più elevato stiano mangiando in risposta ad altre emozioni non direttamente correlate a far fronte al disagio, ad esempio la noia.

“Quasi 2 adulti australiani su 3 sono stati registrati in sovrappeso o con obesità nel 2014-15, e in Inghilterra il 61% degli adulti è stato registrato in sovrappeso o con obesità nel 2016. L’elevata prevalenza dell’obesità in molti paesi del mondo è un grande preoccupazione, e lo sviluppo di un intervento efficace e di approcci preventivi è in prima linea nelle agende sanitarie nazionali.

“Questo studio indica un ruolo importante per i fattori psicologici ed emotivi nel comportamento alimentare e nella regolazione del peso corporeo, in particolare per quelli del SES inferiore. Inoltre, è meno chiaro quali fattori spiegano il mangiare emotivo per quelli di SES più elevato.” Lo studio completo, dal titolo “Dallo svantaggio socioeconomico all’obesità: il ruolo di mediazione del disagio psicologico e dell’alimentazione emotiva”, può essere trovato qui https: / onlinelibrary. Wiley. com / doi / full / 10. 1002 / oby. 22402

Categorie:Ricerca

Con tag: