Ricerca

Obesità: rivelato il ruolo chiave di una proteina del cervello

Indipendentemente da quanto ti alleni o quanto stai in equilibrio con la tua dieta, il controllo del peso è più legato al cervello di quanto avresti potuto pensare. In uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Investigation, i ricercatori del Centro di ricerca ospedaliero dell’Università di Montreal (CRCHUM) mostrano per la prima volta nei topi che la proteina legante l’acil-CoA, o ACBP, ha un’influenza diretta sui neuroni che consentire ai roditori e agli esseri umani di mantenere un peso sano.

Nell’aprile 2015 Thierry Alquier, ricercatore di CRCHUM e autore principale di questo studio, aveva già rivelato, con il suo team, che questa stessa proteina permetteva agli astrociti, cellule che supportano le funzioni neuronali, di comunicare le variazioni degli acidi grassi e dei lipidi nel sangue ai neuroni. Grazie a questa informazione essenziale, il cervello può regolare l’assunzione di cibo e il dispendio energetico e, in ultima analisi, controllare il peso del suo proprietario.

Pubblicità e progresso

“Con i colleghi del laboratorio NutriNeuro dell’Université de Bordeaux, ora mostriamo come i neuroni che riducono l’ assunzione di cibo, noti come neuroni proopiomelanocortinici o neuroni POMC, sono in “stretta comunicazione” con gli astrociti che producono la proteina ACBP in un’area specifica del cervello: il nucleo arcuato dell’ipotalamo “, ha affermato Thierry Alquier, professore associato presso l’Université de Montréal.

Essenziale per il controllo dell’alimentazione e del metabolismo, quest’area dell’ipotalamo contiene due popolazioni di neuroni con funzioni opposte quando attivate: il primo si traduce in un aumento dell’assunzione di cibo; i secondi neuroni POMC, comuni agli animali e agli esseri umani, promuovono una riduzione dell’assunzione di cibo e un aumento del dispendio energetico.

Un problema di specie?

“Le mutazioni genetiche spiegano dal cinque al 10 per cento dei casi di obesità”, ha detto Alquier. “Tra questi casi, una grande proporzione è correlata a un’interruzione di questa via neuronale comunemente nota come la via della melanocortina. Abbiamo osservato che la delezione del gene ACBP negli astrociti del nucleo arcuato favorisce l’obesità. Nei topi che erano geneticamente modificati per essere obesi, abbiamo osservato in laboratorio che iniettandoli giornalmente con ACBP ha portato ad una riduzione dell’assunzione di cibo e della perdita di peso nell’ordine del 5% nell’arco di cinque giorni, un meccanismo che si basa sull’attivazione dei neuroni POMC “.

Tuttavia, il ricercatore ha sollecitato la cautela nel tradurre questa scoperta agli umani. Questo studio è alla fase di ricerca di base ed è stato condotto in laboratorio su topi.

Riconosciuto dall’Organizzazione mondiale della sanità come problema di salute pubblica globale, l’obesità è un importante fattore di rischio per alcune malattie croniche, come il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro, e per i disturbi muscoloscheletrici e la morte prematura.

Categorie:Ricerca

Con tag:,