Vista e dintorni

La luce del LED può danneggiare gli occhi, avvisa l’autorità sanitaria francese

(AFP) 15 maggio 2019 – La “luce blu” nell’illuminazione a LED può danneggiare la retina dell’occhio e disturbare i naturali ritmi del sonno, ha detto in settimana l’autorità sanitaria francese.

Nuovi risultati confermano le precedenti preoccupazioni sul fatto che “l’esposizione a una luce intensa e potente [LED] è” foto-tossica “e può portare a una perdita irreversibile delle cellule retiniche e ad una diminuzione della nitidezza della vista”, l’Agenzia francese per la salute alimentare, ambientale e professionale e Sicurezza (ANSES) ha avvertito in una dichiarazione.

L’agenzia ha raccomandato in un rapporto di 400 pagine che è stato rivisto il limite massimo per l’esposizione acuta, anche se tali livelli sono raramente raggiunti in ambienti domestici o lavorativi.

Il rapporto distingue tra esposizione acuta di luce LED ad alta intensità e “esposizione cronica” a fonti di intensità inferiore.

Sebbene meno pericolosa, anche l’esposizione cronica può “accelerare l’invecchiamento del tessuto retinico, contribuendo a un calo dell’acuità visiva e di alcune malattie degenerative come la degenerazione maculare senile “, ha concluso l’agenzia.

La tecnologia a diodi a emissione di luce (LED) a lunga durata, efficiente dal punto di vista energetico e poco costosa ha inghiottito metà del mercato generale dell’illuminazione in un decennio e raggiungerà il 60% entro la fine del prossimo anno, secondo le proiezioni del settore.

Il LED utilizza solo un quinto dell’elettricità necessaria per una lampadina a incandescenza di luminosità comparabile.

I principali produttori di lampadine a LED al mondo sono GE Lighting, Osram e Philips.

La tecnologia di base per la produzione di una luce bianca combina un LED a lunghezza d’onda corta come il blu o l’ultravioletto con un rivestimento di fosforo giallo. Più chiara è la luce, più è fredda, maggiore è la proporzione di blu nello spettro.

Ritmo circadiano

I LED sono utilizzati per l’illuminazione domestica e stradale, nonché negli uffici e nell’industria.

Che si trovano anche sempre più nei fari auto, torce (torce elettriche) e alcuni giocattoli.

Schermi cellulare, tablet e laptop LED non rappresentano un rischio di danni agli occhi, perché la loro luminosità è molto bassa rispetto ad altri tipi di illuminazione, Francine Behar-Cohen, un oftalmologo e capo del gruppo di esperti che ha condotto la revisione, ha detto ai giornalisti.

Ma questi dispositivi retroilluminati – specialmente quando sono utilizzati di notte o in un ambiente buio – possono “disturbare i ritmi biologici e quindi i modelli di sonno”, ha avvertito l’agenzia.

Poiché le lenti cristalline nei loro occhi non sono completamente formate, i bambini e gli adolescenti sono particolarmente suscettibili a tali interruzioni, hanno osservato i rapporti ANSES.

Interferire con il ritmo circadiano del corpo è anche noto per aggravare i disturbi metabolici come il diabete, così come le malattie cardiovascolari e alcune forme di cancro, ha osservato Dina Attia, ricercatrice e project manager presso ANSES.

Inoltre, un effetto stroboscopico in alcune luci a LED, provocato da piccole fluttuazioni nella corrente elettrica, può indurre “mal di testa, affaticamento visivo e un alto rischio di incidenti”, afferma il rapporto.

Per l’illuminazione domestica, ANSES ha raccomandato l’acquisto di illuminazione a LED “warm white”, limitando l’esposizione a sorgenti LED con un’elevata concentrazione di luce blu ed evitando schermi a LED prima di andare a dormire.

ANSES ha anche affermato che i produttori dovrebbero “limitare l’intensità luminosa dei fari dei veicoli”, alcuni dei quali sono troppo luminosi.

Infine, l’agenzia ha messo in dubbio l’efficacia di alcuni filtri e occhiali da sole “anti- luce blu “.

Categorie:Vista e dintorni

Con tag:,,