Dai media e web

Come rendere interessanti le notizie sulla salute, senza sovvertire le affermazioni

Le storie che trattano di salute prolificano nelle notizie. Ogni anno vengono pubblicate migliaia di articoli che sostengono di avere le ultime prove convincenti su come dovremmo mangiare, bere, fare esercizio fisico, dormire e quali farmaci dovremmo o non dovremmo prendere – tra una miriade di altre cose.

Pubblicità

Non solo c’è un diluvio di informazioni, ma è anche spesso in conflitto. Rapporti sull’uso di statine, ad esempio, hanno affermato che esistono associazioni tra il loro utilizzo e il prolungarsi della vita, l’ invecchiamento più veloce, la riduzione del rischio di ictus e l’ aumento del rischio di diabete.

Ogni giorno, questi rapporti vengono letti e condivisi da milioni di persone, potenzialmente influenzando le nostre decisioni e il comportamento, ma come facciamo a sapere che le prove su cui facciamo affidamento sono abbastanza forti? I redattori hanno bisogno di semplici modi per comunicare la forza delle prove senza ridurre l’interesse o la leggibilità. Ma a volte ciò può significare che il pubblico sopra o sottovaluta la sua rilevanza.

Per le nostre ultime ricerche, abbiamo voluto trovare un modo per aiutare i redattori a comunicare con precisione le prove della ricerca senza diminuire l’interesse dei lettori per le affermazioni. Per fare questo, abbiamo collaborato con nove uffici stampa del Regno Unito, da riviste, università e finanziatori, per condurre uno studio randomizzato con comunicati stampa relativi alla salute.

Ci siamo concentrati sui comunicati stampa perché svolgono un ruolo cruciale nelle notizie scientifiche. Quando è pubblicata la ricerca più recente, viene utilizzato un comunicato stampa per riassumere i risultati più “degni di nota” dello studio. Il comunicato stampa viene quindi inviato ai giornalisti che utilizzano il materiale per scrivere le notizie.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che esiste una stretta corrispondenza tra il contenuto del comunicato stampa e gli articoli delle notizie che seguono: i giornalisti hanno poco tempo e limiti di parole strette, quindi non sono sempre in grado di costruire un pezzo più approfondito.

Tizio e Caio

Il primo obiettivo del nostro lavoro era migliorare l’allineamento delle notizie con le prove sottostanti concentrandosi sulla formulazione dei comunicati stampa. Nel braccio di intervento dello studio, abbiamo riservato un linguaggio forte, come “cause”, “affetti” e “potenziamenti”, per prove causali forti da prove ed esperimenti.

Nella ricerca osservazionale, causa-effetto è difficile da determinare a causa di variabili incontrollate. Ad esempio, può esistere un’associazione tra vendita di gelati e consumo di acqua – non perché uno determina l’altro, ma perché entrambi aumentano in condizioni di tempo soleggiato. Quindi per questo tipo di ricerca abbiamo optato per un linguaggio più debole, come “potrebbe causare” e “potrebbe influenzare” nelle versioni. Questa distinzione non solo è facilmente comprensibile da coloro che conoscono la convenzione, ma è anche fondamentale per tutti i lettori, indipendentemente dal fatto che abbiano sentito parlare di correlazioni o prove cliniche.

Abbiamo constatato che la forza con cui le affermazioni sono fatte nei comunicati stampa generalmente si trasporta nelle notizie. È importante sottolineare che non vi è stato alcun effetto negativo sulla probabilità di una storia di farne notizia se la lingua fosse più morbida. Il fatto che un comunicato stampa sia stato raccolto o meno non dipende dalla forza delle affermazioni causali. Quando i titoli e le affermazioni erano più tenui nei comunicati stampa, erano generalmente più deboli nelle notizie – nonostante la saggezza ricevuta che le notizie non fossero interessate a “Tizio” e “Caio”.

Il secondo obiettivo della nostra ricerca era assicurarsi che le storie includessero avvertimenti espliciti – come “questa ricerca era osservativa e non può mostrare causa ed effetto” – quando necessario. I nostri risultati hanno mostrato che questi avvertimenti erano più propensi a comparire nei notiziari quando erano presenti nel comunicato stampa.

Una storia sulla salute del fegato e sul fumo pubblicata su MailOnline, ad esempio, ha usato una citazione del comunicato stampa per dichiarare, “il dott. Brown ha sottolineato come questo era uno studio osservazionale e non può dire se smettere di fumare abbia portato a una riduzione del bere o viceversa “. Gli avvertimenti non sembravano ridurre l’assorbimento di notizie, e sono stati anche associati a una maggiore copertura di notizie – un risultato che corrisponde alla ricerca parallela la quale mostra che i caveat non riducono l’interesse dei lettori.

La maggior parte di questi risultati si basa su analisi osservazionali e sebbene non possiamo mostrare l’effetto diretto dei contenuti dei comunicati stampa sulle notizie, sappiamo che i giornalisti leggono i comunicati stampa prima di scrivere le notizie. Inoltre, non possiamo mostrare in che modo tali contenuti potrebbero influire sulla salute pubblica. Ma i nostri risultati suggeriscono che potrebbe esserci un modo semplice per comunicare la forza delle prove al pubblico senza influenzare l’assorbimento.

L’inferenza causale è solo un elemento di forza delle prove, ma ce ne sono molte altre che potrebbero e dovrebbero essere comunicate ai lettori. Ad esempio, i risultati di studi più ampi ripetuti per un lungo periodo di tempo sono più robusti rispetto a quelli di piccoli studi singoli. Sebbene la segnalazione della forza delle prove nei media sia solo un fattore di come le persone prendono decisioni relative alla salute, riteniamo che fornire notizie più facilmente decodificate sia un passo nella giusta direzione.

Pubblicità

Categorie:Dai media e web

Con tag:,