Tecno

I ricercatori della Johns Hopkins pubblicano la roadmap sulla salute digitale

Healthcare and innovative technology: apps for medical exams and online consultation concept

Confronto culturale: tecnologia contro sanità.

Nel turbinio vertiginoso di siti Web relativi alla salute, social media e app per smartphone, trovare una fonte affidabile di informazioni sulla salute può essere una sfida. Un gruppo di ricercatori della scuola di medicina e salute pubblica della Johns Hopkins University e il laboratorio di fisica applicata dell’università hanno tracciato un percorso per navigare in questo complicato paesaggio.

Simon C. Mathews, gastroenterologo della Johns Hopkins e assistente direttore dell’Istituto Armstrong per la sicurezza e la qualità dei pazienti al Johns Hopkins Bayview Medical Center, guida un team di ricercatori che questa settimana ha pubblicato “La salute digitale, un percorso di convalida” all’interno del journal npj Digital Medicine .

“Ci sono oltre 3 milioni di app per la salute mobile là fuori, con 200 nuove che spuntano ogni giorno”, dice Mathews. “I pazienti, i fornitori, i pagatori, l’industria e i regolatori devono muoversi nella confusione, è una sfida trovare soluzioni che forniscano un valore reale”.

Mathews ha contattato i suoi colleghi di Johns Hopkins presso l’Applied Physics Lab per studiare l’ampio universo della tecnologia sanitaria.

“APL ha esperienza nella valutazione di soluzioni in altri settori”, dice Mathews. “Abbiamo preso in prestito alcune delle loro migliori pratiche di ingegneria nel definire il nostro approccio alla valutazione.”

L’ articolo in npj Digital Medicine illustra uno scontro culturale tra tecnologia e assistenza sanitaria. Mathews e colleghi sottolineano il mantra tech startup di “fallire velocemente, fallire spesso”, che dicono si trova in diretta opposizione con l’assioma bioetico “prima di tutto, non nuocere”.

Mathews ed i suoi colleghi sostengono che molti sviluppatori si precipitano nel mercato con la loro tecnologia, con troppa poca attenzione alla progettazione del prodotto, ai test di sicurezza e alle sperimentazioni cliniche. La pressione per muoversi rapidamente incoraggia gli sviluppatori a eseguire solo test di verifica e convalida minimi. Troppo spesso, dice Mathews, le esigenze degli utenti finali passano in secondo piano nel marketing accelerato.

Nel loro articolo, citano un certo numero di esempi di come le app mediche spesso non forniscano informazioni cliniche significative e abbiano una qualità generale bassa del supporto scientifico.

I ricercatori sostengono una “scorecard nella salute digitale” per la tecnologia relativa alla salute. La scorecard offrirebbe valutazioni applicando una convalida rigorosa e obiettiva delle soluzioni di tecnologia sanitaria. Mathews paragona tale scorecard a Underwriters Laboratory o Consumer Reports, laboratori di test senza scopo di lucro che valutano i prodotti per sicurezza e qualità.

“La nostra scorecard sulla salute digitale proposta prevede un approccio ibrido di questi modelli”, afferma Mathews. “Definisce i requisiti e gli standard per i prodotti nella salute digitale, sottopone tali prodotti a test rigorosi e obiettivi, quindi offre rapporti oggettivi sui risultati.”

La scheda segnapunti dovrebbe riportare i risultati dei test su quattro domini, compresa la convalida tecnica e clinica, nonché l’usabilità e le valutazioni dei costi.

Mathews e i suoi colleghi vedono due strade per dare vita alla loro scorecard sulla salute digitale.

“Organismi regolatori governativi, come la Food and Drug Administration, la Federal Trade Commission e i Centers for Medicare e Medicaid Services potrebbero sostenere questo approccio”, afferma Mathews. “In alternativa, i sistemi sanitari o ospedalieri potrebbero creare una rete di partner per aiutare a definire requisiti e testare soluzioni secondo standard trasparenti.”

Diverse organizzazioni private e non profit hanno assunto il compito di valutare la tecnologia sanitaria per fornitori e consumatori, la più incoraggiante delle quali, dice Mathews, è una beta “biblioteca online” istituita nel 2017 dal Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito.

La Biblioteca della NHS Apps offre la convalida sponsorizzata dal governo, che classifica le applicazioni relative alla salute per efficacia clinica, approvazione normativa, sicurezza, privacy, riservatezza e altre misure.

“È un passo nella giusta direzione verso una fonte credibile e affidabile per fornitori e consumatori”, afferma Mathews. “Ma resta ancora molto da fare.”

Categorie:Tecno

Con tag:,