Donne e diabete

Consapevolezza alterata dell’ipoglicemia: un nuovo fattore di rischio per esiti avversi della gravidanza nel diabete di tipo 1

I ricercatori del Dipartimento di Endocrinologia, Ospedale Universitari Mútua de Terrassa, Barcellona, ??Spagna hanno valutato l’impatto della compromissione della consapevolezza dell’ipoglicemia (IAH) sul controllo metabolico e sugli esiti della gravidanza nelle donne con diabete di tipo 1.

Questo è stato uno studio di coorte prospettico su un singolo centro di donne incinte con diabete di tipo 1. L’IAH è stata valutata alla prima visita prenatale utilizzando il test di Clarke (score?3). I dati sul controllo metabolico, gli eventi ipoglicemici e il profilo lipidico sono stati raccolti prima della gravidanza e in ogni trimestre di gestazione, assieme alla registrazione degli esiti di gravidanza.

Pubblicità e progresso

Un totale di 77 pazienti con diabete di tipo 1 sono stati inclusi; 24 (31,2%) classificati come aventi IAH. Rispetto alla normale consapevolezza del gruppo ipoglicemia (NAH), il gruppo IAH non ha mostrato differenze nell’HbA1c, aumento di peso, dosi di insulina o eventi di ipoglicemia gravi e non gravi durante la gravidanza. L’IAH era associato a concentrazioni più elevate di trigliceridi nel secondo trimestre (IAH: 154,8 ± 61,1 mg / dl, NAH: 128,6 ± 31,2 mg / dl, p = 0,034) e un aumento del rischio di sofferenza respiratoria neonatale (OR 11.24, CI95% 1.01- 124,9, p = 0,041) nei modelli adattati. L’aumento del rischio di preeclampsia era correlato a concentrazioni più elevate di trigliceridi nel secondo trimestre (OR 1.028, IC 95% 1.004-1.053, p = 0.023) aggiustate per i fattori confondenti.

L’IAH era associato ad un aumentato rischio di sofferenza respiratoria neonatale e preeclampsia, nonostante non mostrasse differenze nel controllo metabolico. La consapevolezza dell’ipoglicemia nella prima visita prenatale dovrebbe essere valutata per identificare il sottogruppo di donne in gravidanza con aumentato rischio di complicanze.

Pubblicato in Diabetes Metabolism Research and Reviews del 7 maggio 2019.