Terapie

Terapie complementari desiderate per ridurre il “costante carico giornaliero” del diabete di tipo 1 adulto e stagionato (Sanofi Sotagliflozin)

Gli adulti con diabete di tipo 1 danno priorità all’HbA1c time-in-target range, alla perdita di peso e alle semplici procedure di trattamento quando valutano la cura del diabete, e ci può essere una sostanziale volontà di usare terapie aggiuntive per raggiungere questi obiettivi, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Technology & Therapeutics del 16 maggio 2019.

“Nonostante questi continui progressi nella gestione, in particolare nei tipi di dispositivi disponibili, il diabete di tipo 1 rimane un onere quotidiano costante per i pazienti”, Jeremy H. Pettus, MD, un assistente professore di medicina presso la School of Health Sciences presso l’Università di California, San Diego, a La Jolla, in California, e colleghi hanno scritto. “Durante l’esplorazione del rapporto rischio-beneficio, è importante rendersi conto che le opinioni dei pazienti e dei fornitori di assistenza sanitaria possono differire sull’importanza dei singoli fattori di rischio e beneficio.”

Per valutare le preferenze di trattamento, Pettus e colleghi hanno inviato un sondaggio e ricevuto risposte da 1.313 adulti (età media, 53 anni, 67% donne) con diabete di tipo 1 al novembre 2017. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare l’importanza e la soddisfazione di raggiungere 15 risultati diversi dal trattamento del diabete. I risultati includevano il mantenimento della glicemia giornaliera tra 70 mg / dL e 180 mg / dL, conservando l’HbA1c entro il range di riferimento ed evitando gravi eventi ipoglicemici. Il sondaggio includeva anche una sezione in cui ai partecipanti veniva chiesto se preferivano l’insulina o l’aggiunta di 200 mg o 400 mg di sotagliflozin (Sanofi / Lexicon) assumendo i benefici attesi sulla base di studi clinici.

Sulla base di ciò che i ricercatori hanno chiamato “i punteggi delle opportunità sul lavoro da fare”, che erano su una scala da 0 a 15 con punteggi più alti e meno soddisfazione, i partecipanti hanno identificato di avere trattamenti del diabete semplici e prevedibili come il risultato che erano meno soddisfatti con su un punteggio di 13.6. Inoltre, altri 11 bisogni non soddisfatti sono stati considerati “ad alta priorità”, indicato da un punteggio compreso tra 12 e 15. Questi includevano il mantenimento dell’HbA1c entro un intervallo target (13,5), conservando la glicemia giornaliera tra 70 mg / dL e 180 mg / dL (13.2) e rendendo la gestione del diabete meno onerosa (13.2). Semplificare le procedure di trattamento è stata la massima priorità per coloro che nella coorte utilizzavano il monitoraggio continuo del glucosio, secondo i ricercatori.

L’abilità di produrre perdita di peso, aumentare il tempo di intervallo e ridurre l’HbA1c sono stati considerati gli attributi più importanti di un trattamento, secondo l’analisi congiunta.

La terapia aggiuntiva di 200 mg o 400 mg di sotagliflozin è stata considerata un’opzione praticabile dal 93% della coorte rispetto al solo consumo di insulina e la dose di 400 mg è stata l’opzione preferita quando si sono confrontati tutti e tre i ricercatori.

“Questo sondaggio evidenzia che ci sono ancora molte esigenze insoddisfatte nel diabete di tipo 1, tra cui il raggiungimento degli obiettivi di controllo glicemico, la prevenzione dell’aumento di peso, l’aumento del tempo trascorso nell’intervallo ottimale del glucosio nel sangue e il desiderio di una gestione del diabete più semplice”, hanno scritto i ricercatori. “I benefici delle nuove terapie aggiuntive sembrano essere in linea con alcune di queste esigenze, in quanto oltre il 90% degli intervistati prenderebbe in considerazione l’assunzione del farmaco valutato in questo sondaggio, dopo aver considerato il profilo rischio-beneficio.”

Divulgazione : Questa ricerca è stata finanziata da Sanofi Stati Uniti. Pettus riferisce di aver fatto parte dei comitati consultivi di Insulet, MannKind, Novo Nordisk, Sanofi, Tandem Diabetes e Valeritas. È anche membro dell’ufficio relatori per Sanofi e Valeritas. Si prega di consultare lo studio per tutte le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.