Compliance

Diabete tipo 1 in famiglia

Sintomi depressivi e controllo glicemico negli adulti con diabete di tipo 1: uno studio esplorativo sul ruolo dell’andamento familiare.

Il disagio psicologico e la dinamica familiare hanno un impatto considerevole sull’autogestione del diabete e sul controllo glicemico nei soggetti con diabete di tipo 1 (T1D). Tuttavia, l’influenza di fattori individuali e domestici sul controllo glicemico non sono ancora adeguatamente stati studiati. Questo studio, made in Italy e condotto dall’equipe della Divisione di Endocrinologia, Diabete e Metabolismo, Dipartimento di Medicina, Università di Verona e Azienda Ospedaliera di Verona, mirava ad esaminare la relazione tra il funzionamento familiare percepito e sintomi depressivi con la frequenza di auto-monitoraggio capillare di glucosio ematico (SMBG) e controllo glicemico (HbA1c) in un ampio campione di adulti con T1D.

In uno studio con design cross-sectional, sono stati arruolati consecutivamente 90 adulti con diagnosi T1D da almeno 1 anno e che vivono nella loro famiglia di origine o famiglia coniugale da almeno 1 anno prima dell’arruolamento. Sono stati somministrati questionari per valutare il funzionamento della famiglia e i sintomi depressivi. La frequenza SMBG negli ultimi 3 mesi e la più recente misurazione HbA1c sono state raccolte anche in ogni individuo, e analisi di correlazione e mediazione.

Il controllo glicemico ha mostrato una relazione positiva con i sintomi depressivi e la coesione familiare equilibrata, mentre la frequenza SMBG era collegata con la flessibilità e la rigidità bilanciate della famiglia, ma non con i sintomi depressivi. Le analisi di mediazione hanno mostrato come la rigidità familiare media l’effetto dei sintomi depressivi sul controllo glicemico.

Questo studio esplorativo ha evidenziato il significato di un contesto familiare coeso per facilitare il raggiungimento dei singoli obiettivi glicemici negli individui con T1D. Tali osservazioni, se confermate in serie di dati più ampi, richiederebbero tempestivamente una valutazione globale dell’assistenza familiare come parte delle valutazioni eseguite di routine nell’assistenza ambulatoriale di questi individui.

Pubblicato su Acta Diabetologica il 22 maggio 2019.