Donne e diabete

Le concentrazioni di tracce di metallo influenzano la regolazione del glucosio in gravidanza

Le donne in gravidanza con più alte concentrazioni plasmatiche di rame misurate durante il primo trimestre avevano più probabilità di riportare livelli elevati di glucosio nel secondo trimestre, aumentando il rischio di diabete gestazionale, mentre concentrazioni più elevate di metallo molibdeno erano associate a livelli ridotti di glucosio, secondo i risultati pubblicati su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

“La traccia di metalli essenziali (loidi) può essere importante da considerare per quanto riguarda l’intolleranza al glucosio in gravidanza, dato il loro coinvolgimento nell’omeostasi del glucosio e il potenziale per modificare i livelli attraverso la gestione della dieta”, Yinnan Zheng, MS, un dottorando nel dipartimento di salute ambientale presso la Harvard TH Chan School of Public Health, e colleghi hanno scritto nel background dello studio. “L’accumulo di dati da studi su animali e metabolici ha dimostrato che un numero di tracce di metalli essenziali (loidi), tra cui zinco, selenio, cromo, ferro, manganese, rame e molibdeno possono avere un impatto sul metabolismo del glucosio e sulla sensibilità all’insulina con effetti a valle sull’iperglicemia e sul diabete gestazionale.”

Zheng e colleghi hanno analizzato i dati di 1.857 donne sane, di peso normale provenienti da 12 siti clinici statunitensi che partecipano all’Institute of Child and Human Development (NICHD) Fetal Growth Studies Singleton Cohort tra luglio 2009 e gennaio 2013. I ricercatori hanno misurato le concentrazioni di zinco, selenio, rame e molibdeno in campioni di plasma sanguigno raccolti durante il primo trimestre di gravidanza (mediana, 12 settimane di gestazione). L’outcome primario era rappresentato dai livelli di glucosio nel sangue durante il secondo trimestre dopo un test di carico gestazionale da 50 g di 1 ora (mediana, 27 settimane di gestazione).

Tra le 264 donne con un test di carico anomalo della gestazione, a 58 donne è stato diagnosticato un diabete gestazionale dopo un test di tolleranza al glucosio orale. Altre 76 donne con un normale test di carico gestazionale hanno effettuato un OGTT, con nove donne con diagnosi di diabete gestazionale. I ricercatori hanno scoperto che i livelli di zinco plasmatico (mediana, 806 ?g / L) e selenio plasmatico (mediana, 123 ?g / L) erano paragonabili alle misurazioni tra le donne non gravide misurate nel National Health and Nutrition Examination Survey, mentre i livelli di rame (mediana, 1.874 ?g / L) erano più alti rispetto ai livelli misurati con NHANES.

Nelle analisi di regressione lineare, i ricercatori hanno scoperto che concentrazioni più elevate di rame misurate durante il primo trimestre erano associate a livelli più elevati di glucosio misurati durante il secondo trimestre, con un aumento del 50% delle concentrazioni di rame correlato a 4,9 mg / dL di glucosio superiore misurato attraverso il test di carico gestazionale (IC 95%, 2.2-7.5). I risultati persistono dopo l’aggiustamento per le caratteristiche sociodemografiche materne e la storia riproduttiva.

Al contrario, un aumento del 50% delle concentrazioni di molibdeno era associato a un livello medio di glucosio inferiore di 1,2 mg / dL misurato tramite test di carico gestazionale (IC 95%, da -2,3 a -0,1).

Per ogni aumento del 50% della concentrazione di rame, le donne avevano 1,53 volte più probabilità di avere un test di carico gestazionale anormale (IC 95%, 1,19-1,97). Per ogni aumento del 50% di molibdeno, le donne avevano il 14% in meno di probabilità di sottoporsi a un test di carico anomalo della gestazione (RR = 0,86, IC 95%, 0,78-0,96).

“Se replicati e ben quantificati, questi risultati potrebbero fornire indicatori precoci di esposizioni ambientali potenzialmente modificabili che sono correlati alla disregolazione del glucosio in gravidanza”, hanno scritto i ricercatori

Categorie:Donne e diabete

Con tag: