Donne e diabete

Non esagerare con il consumo di grassi omega-6 durante la gravidanza

Nelle società occidentali, stiamo mangiando più grassi omega 6, in particolare l’acido linoleico, che sono presenti in alimenti come patatine e olio vegetale. Altre ricerche hanno dimostrato che l’acido linoleico può promuovere l’infiammazione ed essere associato ad un aumentato rischio di malattie cardiache.

Una nuova ricerca su The Journal of Physiology ha mostrato che mangiare una dieta contenente tre volte l’assunzione giornaliera raccomandata di acido linoleico potrebbe essere dannosa in gravidanza . Hanno rilevato tre cambiamenti nelle madri ratti con una dieta ad alto contenuto di acido linoleico: il loro fegato aveva alterato le concentrazioni di proteine infiammatorie, le concentrazioni circolanti di una proteina che può causare la contrazione dell’utero durante la gravidanza e un ormone che può regolare la crescita e lo sviluppo risulta diminuito. Questi cambiamenti possono comportare un aumento del rischio di complicanze della gravidanza e uno scarso sviluppo dei bambini .

Se gli effetti di un acido linoleico elevato sono gli stessi negli esseri umani, ciò suggerirebbe che le donne in età fertile dovrebbero prendere in considerazione la riduzione della quantità di acido linoleico nella loro dieta.

I ricercatori hanno nutrito i ratti per 10 settimane a base di una dieta con acido linoleico elevato, quindi studiato gli effetti della dieta sulla loro gravidanza e sviluppo della prole. Studiando in particolare eventuali cambiamenti nel peso corporeo delle madri e prole , e concentrazioni di proteine infiammatorie circolanti e del fegato, colesterolo e leptina ormonale. I ratti in genere danno alla luce più topini in ogni gravidanza. Le madri di ratto che mangiavano una dieta ad alto contenuto di acido linoleico avevano un numero ridotto di topini maschi.

È importante notare che quando gli esseri umani mangiano una dieta ricca di acido linoleico, la stessa tende ad essere ricca di grassi, zuccheri e sale. Tuttavia, nello studio, l’unico cambiamento nella dieta era l’acido linoleico più alto, ma nessun cambiamento nel grasso, nello zucchero o nel sale.

Deanne Skelly, autrice senior del giornale, ha dichiarato:

“È importante che le donne in gravidanza considerino la loro dieta e la nostra ricerca è un altro esempio di come, consumando troppo di un certo tipo di nutrienti, si può avere un impatto negativo sul bambino in crescita”.