Ricerca

Una nuova partnership esamina l’effetto dell’inquinamento sul rischio di diabete di tipo 2

Pubblicità

Il Sansum Diabetes Research Institute sta lanciando una prima partnership con la Bren School of Environmental Science and Management presso l’Università della California, a Santa Barbara, per studiare la correlazione tra diabete di tipo 2 e l’esposizione all’inquinamento.

“Negli Stati Uniti, vediamo un numero sproporzionato di casi di diabete di tipo 2 per razza ed appartenenza etnica” , ha detto David Kerr, MD, FRCPE, direttore della ricerca e dell’innovazione di Sansum “Non crediamo che questo sia semplicemente legato alla genetica o alle scelte di vita povere. Pensiamo che ci sia molto di più in questo, probabilmente nell’ambito dei determinanti sociali della salute “.

Pubblicità

In una collaborazione congiunta di 1 anno, Sansum e un gruppo di studenti del Master presso la Bren School combineranno serie di dati esistenti sull’esposizione all’inquinamento, il diabete e la razza della contea di Santa Barbara, in California, con l’obiettivo di sviluppare uno strumento pratico di screening dei rischi.

“Stiamo assistendo a un’esplosione di diabete in popolazioni che sono state più industrializzate, negli ultimi anni come Cina, India e Brasile “, ha detto Kerr in un comunicato stampa. “Le domande che dobbiamo porre includono: c’è un aumento del rischio di diabete per chi vive più vicino ad una una superstrada? C’è un aumento del rischio di diabete se sei un lavoratore agricolo che lavora con i pesticidi? Il rischio di diabete nei bambini non ancora nati è aumentato a causa della vicinanza a una superstrada o a una fattoria? Quanto male stiamo facendo a noi stessi? Quanto di ciò contribuisce all’epidemia di diabete? “

Oltre ad analizzare il database esistente, gli studenti del master della Bren School applicheranno le capacità analitiche per identificare i modi che stimolano i fattori ambientali sul rischio diabete rendendo le comunità più vulnerabili all’esposizione all’inquinamento e alla patologia, secondo il comunicato.

“Per capirlo, stiamo reclutando almeno 1.000 famiglie latinoamericane in cui perlomeno una persona ha il diabete”, ha detto Kerr. “Nel corso del prossimo decennio, o più a lungo, stiamo raccogliendo informazioni sui cinque fattori determinanti della salute, quali genetica, biologia, psicologia, comportamento e ambiente. Per raggiungere questo obiettivo, stiamo formando gli operatori sanitari della comunità tradizionale in modo che diventino abili nel diabete di tipo 2 e nella cura di mantenimento delle famiglie “.

I partecipanti forniranno campioni di sangue, saranno sottoposti a esami fisici, completeranno questionari convalidati e indosseranno tracciatori di attività, ha affermato Kerr. Questi dati saranno analizzati con grandi set di dati esistenti che misurano la qualità dell’aria e il particolato.

Ci siamo avvicinati alla scuola di Bran e hanno ricevuto la nostra potenziale collaborazione con grande entusiasmo perché vedono un legame tra i cambiamenti nell’ambiente e la salute”, ha detto Kerr in un’intervista. “Abbiamo gli studenti di questi master che iniziano a esaminare i grandi set di dati esistenti per misurano la qualità dell’aria e il particolato. Vogliamo collegarli a quelli in cui vediamo i cluster di diabete per vedere se esiste una relazione tra dove vivi e il rischio di diabete. Alla fine, vogliamo iniziare a inserire sensori locali in modo da poter acquisire i dati in funzione prospettica.”

Sansum collaborerà inoltre con Groundswell Technologies per incorporare sensori posizionati strategicamente funzionali a identificare le aree di preoccupazione per l’esposizione degli inquinanti, gli intervalli di concentrazione, i modelli temporali, la durata dell’esposizione e le relazioni causali, ha affermato Kerr.

“Sto cercando un’azienda con un buon sensore indossabile in grado di raccogliere dati sulla qualità dell’aria”, ha affermato Kerr. “Quindi, possiamo abbinare i dati di questo sensore con quelli dal monitoraggio del glucosio continuo e riportare informazioni in tempo reale.”

Kerr ha detto che i primi dati del progetto collaborativo saranno resi disponibili entro la fine dell’anno.

Categorie:Ricerca

Con tag:,