Batticuore

Bumba per il bamba pericolosa

Le bevande energetiche possono aumentare il rischio di anomalie della funzione cardiaca e di variazioni della pressione arteriosa

DALLAS, 29 maggio 2019 – Bere 4 bicchieri di una bevanda energetica in un breve lasso di tempo può aumentare la pressione sanguigna e il rischio di disturbi elettrici nel cuore, che influenzano il ritmo cardiaco, secondo un piccolo studio pubblicato su Journal of the American Heart Associazione , l’Open Access Journal dell’American Heart Association / American Stroke Association.

Lo studio ha arruolato 34 volontari sani di età compresa tra 18 e 40 anni. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a bere 4 bicchieri di una delle due bevande energetiche contenenti caffeina disponibili in commercio o una bevanda placebo in tre giorni separati. Le bevande sono state consumate in un periodo di 60 minuti, ma non più velocemente di una bottiglia da mezzo litro in 30 minuti.

I ricercatori hanno misurato l’attività elettrica dei cuori dei volontari tramite elettrocardiogramma, che registra il modo in cui un cuore batte. Hanno anche registrato la pressione sanguigna del partecipante. Tutte le misurazioni sono state prese all’inizio dello studio e ogni 30 minuti per 4 ore dopo il consumo di bevande.

Entrambe le bevande energetiche testate contenevano da 304 a 320 milligrammi di caffeina per un litro di liquido. Non si prevede che la caffeina a dosi inferiori a 400 milligrammi induca alcun cambiamento elettrocardiografico. Altri ingredienti comuni nelle bevande energetiche nello studio includevano taurina (un amminoacido), glucuronolattone (presente nelle piante e nei tessuti connettivi) e vitamine del gruppo B. La bevanda placebo conteneva acqua gassata, succo di lime e aroma di ciliegie.

Nei partecipanti che hanno consumato entrambi i tipi di bevande energetiche, i ricercatori hanno scoperto che l’intervallo QT era di 6 millisecondi o 7,7 millisecondi più alto a 4 ore rispetto ai bevitori di placebo. L’intervallo QT è una misura del tempo impiegato dai ventricoli nel cuore (le camere inferiori) per prepararsi a generare nuovamente un battito. Se questo intervallo di tempo è troppo breve o troppo lungo, può causare il battito cardiaco in modo anomalo. L’aritmia risultante può essere pericolosa per la vita.

I risultati dello studio confermano i risultati precedenti e suggeriscono che i cambiamenti dell’intervallo QT sono generalmente sostenuti durante il periodo di monitoraggio di quattro ore piuttosto che essere un effetto di breve durata dopo aver consumato un litro di una bevanda energetica.

I ricercatori hanno anche riscontrato un aumento statisticamente significativo da 4 a 5 mm Hg della pressione arteriosa sistolica e diastolica nei partecipanti che hanno consumato le bevande energetiche.

“Abbiamo trovato un’associazione tra consumo di bevande energetiche e cambiamenti negli intervalli QT e pressione arteriosa che non possono essere attribuiti alla caffeina. Abbiamo urgentemente bisogno di investigare il particolare ingrediente o la combinazione di ingredienti in diversi tipi di bevande energetiche che potrebbero spiegare i risultati osservati nel nostro prova clinica “, ha detto l’autore principale Sachin A. Shah, Pharm.D., professore di farmacologia California.

Lo studio è il più grande sugli effetti delle bevande energetiche sul cuore e sulla pressione sanguigna nei giovani volontari sani. Le stime indicano che circa il 30% degli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni negli Stati Uniti consuma regolarmente bevande energetiche, che sono state collegate a un aumento delle visite al pronto soccorso e alla morte.

“Le bevande energetiche sono facilmente accessibili e vengono comunemente consumate da un gran numero di adolescenti e giovani adulti, compresi gli studenti universitari. Capire come queste bevande influenzano il cuore è estremamente importante”, ha detto il coautore dello studio Kate O’Dell, Pharm.D., professore di farmacia e direttore di programmi esperienziali presso la Thomas J. Long School of Pharmacy and Health Sciences.

Tra i limiti dello studio: è stato progettato per valutare gli effetti del consumo a breve termine di una bevanda energetica e non fornisce informazioni sugli effetti a lungo termine né sugli effetti del consumo abituale di bevande energetiche. Inoltre, il consumo di bevande energetiche è stato valutato da solo, e non è raro che le bevande energetiche vengano consumate in combinazione con altre sostanze come l’alcol. Infine, lo studio ha incluso solo individui sani tra i 18 ei 40 anni ei risultati potrebbero essere diversi in altre popolazioni.

“Il pubblico dovrebbe essere consapevole dell’impatto delle bevande energetiche sul loro corpo, soprattutto se hanno altre condizioni di salute di base”, ha detto Shah. “Gli operatori sanitari dovrebbero consigliare determinate popolazioni di pazienti, ad esempio le persone con una sindrome del QT lungo congenita o acquisita o l’ipertensione, per limitare o monitorare il loro consumo.”