Ricerca

Collaborazione strategica per la cura del diabete tipo 1

The Parker Institute for Cancer Immunotherapy, JDRF and the Helmsley Charitable Trust co-fund $10 million in research to study how and why insulin-dependent diabetes sometimes occurs following checkpoint inhibitor treatment for cancer.

Stanziati fondi per $ 10 milioni nella ricerca per capire, prevedere e prevenire il diabete insulino-dipendente dopo la terapia di controllo per il cancro.

SAN FRANCISCO e NEW YORK , 29 maggio 2019  – L’immunoterapia è diventata un trattamento di prima linea per diversi tipi di cancro. Nel corso del tempo, i ricercatori hanno osservato che alcuni pazienti sviluppano disordini autoimmuni in seguito all’immunoterapia del cancro. Ad esempio, dopo il trattamento con inibitori del checkpoint, circa l’1% sviluppa una specie di diabete insulino-dipendente che appare simile al diabete di tipo 1 (T1D), secondo una ricerca  pubblicata sulla rivista Diabetes.

Il Parker Institute for Cancer Immunotherapy, JDRF e Leona M. e Harry B. Helmsley Charitable Trust hanno annunciato oggi una collaborazione per un’iniziativa di ricerca onde comprendere meglio questo fenomeno e identificare le cause del T1D. Le tre organizzazioni non profit finanziano congiuntamente 10 milioni di dollari nella ricerca sull’autoimmunità per un periodo di tre anni.

“Il successo clinico di inibitori del checkpoint immunitario come ipilimumab, nivolumab e pembrolizumab ha cambiato il volto della terapia antitumorale, estendendo la vita di pazienti che in precedenza avevano poche scelte. In casi rari, questi pazienti sviluppano il diabete insulino-dipendente, e nessuno capisce veramente come o perché “, ha detto il CEO e presidente del Parker Institute Jeffrey Bluestone, Ph.D.,  e Mary Margaret Clausen Distinguished Professor of Metabolism and Endocrinology presso l’ Università della California, San Francisco (UCSF).

“Nel mettere insieme questa iniziativa di ricerca, speriamo di rispondere a domande chiave che ci aiuteranno a prevedere e prevenire l’autoimmunità in seguito al trattamento immunoterapico in futuro”, ha affermato Bluestone. “Questo è di crescente importanza in quanto più pazienti vengono trattati con inibitori del checkpoint e altre immunoterapie”.

C’è speranza che questa collaborazione di ricerca sull’autoimmunità possa anche far luce sulle cause del T1D in una fascia di popolazione più ampia.

Circa 1,25 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il T1D, una malattia autoimmune che si sviluppa quando le cellule beta pancreatiche produttrici di insulina vengono erroneamente distrutte dal sistema immunitario del corpo. Di conseguenza, il pancreas di una persona smette di produrre insulina, l’ormone che controlla i livelli di zucchero nel sangue.

“Sappiamo poco sulle cause del diabete di tipo 1 in bambini e adulti altrimenti sani”, ha detto Ben Williams , Ph.D., Helmsley Charitable Trust responsabile del programma T1D. “Riteniamo che questa ricerca possa rivelare profonde scoperte relative a tutte le forme di diabete di tipo 1, portando potenzialmente a nuovi biomarcatori per l’individuazione e il trattamento. Questa partnership si allinea con il desiderio di Helmsley di ricercare e finanziare un filone promettente e ad alto rischio che potrebbe avere un impatto enorme.”

L’iniziativa è una collaborazione tra le principali istituzioni impegnate nel campo delle immunoterapie del cancro e le organizzazioni di ricerca sul diabete, che si uniscono per la prima volta per esplorare l’intersezione tra questi due tipi di malattie croniche. 

“Questa collaborazione combina i principali esperti in immunologia per il diabete e il cancro per realizzare un’impresa che non è mai stata realizzata: disattivando permanentemente una risposta autoimmune negli esseri umani”, ha dichiarato Aaron J. Kowalski , Ph.D., Presidente e CEO di JDRF. “Investire in questa ricerca ci aiuterà a comprendere meglio, in tempo reale, come si sviluppa il diabete di tipo 1 e potenzialmente a disabilitare il sistema immunitario, in modo che la progressione della malattia non avvenga mai”.

Gli investigatori che partecipano all’iniziativa includono Kevan Herold , MD, professore di immunobiologia e medicina presso la Yale School of Medicine nel Connecticut ; Mark Anderson , MD, Ph.D., professore presso l’UCSF Diabetes Center di San Francisco ; Jane Buckner , MD, presidente e direttore della ricerca traslazionale presso il Benaroya Research Institute di Virginia Mason a Seattle ; e l’oncologo medico Osama Rahma , MD, del Dana-Farber Cancer Institute di Boston .  

Il lavoro si integra anche con ulteriori progetti di ricerca  sull’autoimmunità presso il Parker Institute e la ricerca immunologica della JDRF  per fermare gli attacchi autoimmuni che colpiscono le cellule beta produttrici di insulina.

Categorie:Ricerca

Con tag:,