Donne e diabete

La relazione tra pregiudizi attentivi al cibo e alimentazione disordinata nelle donne con diabete di tipo 1

Pubblicità

I fattori che possono rendere le donne con diabete mellito di tipo 1 (T1DM) vulnerabili a comportamenti alimentari disordinati o difficoltà nella gestione della dieta richiedono ulteriori indagini. Date le precedenti associazioni osservate tra i pregiudizi attentivi legati all’alimentazione e il comportamento alimentare in gruppi senza diabete, questo studio ha esplorato i rapporti tra pregiudizi attentivi a segnali alimentari sani e malsani e un’alimentazione disordinata in giovani donne adulte con e senza T1DM, di età compresa tra 18 e 40 anni.

97 partecipanti (41 con T1DM, 56 senza) hanno completato un sondaggio online iniziale per la valutazione di informazioni demografiche e cliniche e un’alimentazione disordinata tramite il questionario sull’esame dei disturbi alimentari (EDE-Q). Successivamente hanno partecipato a una sessione di persona per completare un compito di ricerca visiva computerizzata onde valutare la distorsione dell’attenzione verso stimoli alimentari pittorici.

Pubblicità

L’analisi della varianza (ANOVA) che si aggiusta per l’età e l’indice di massa corporea ha mostrato una relazione significativa unica nel gruppo con T1DM, in cui i maggiori punteggi di distorsione dell’attenzione lontano da cibi non sani erano associati a una maggiore alimentazione disordinata. Nessuna relazione è stata osservata nel gruppo senza diabete.

Questo studio condotto dalla Scuola di Psicologia e Counselling della Queensland University of Technology, Australia suggerisce che il disinnesto prematuro dell’attenzione dagli stimoli legati al cibo può essere univocamente associato a esiti alimentari per le femmine con DMT1 rispetto a quelli senza diabete. Ciò dovrebbe essere ulteriormente esplorato nelle ricerche future allo scopo di sviluppare nuove strategie per la prevenzione e il trattamento del comportamento alimentare disordinato in questo gruppo vulnerabile.

Pubblicato su Appetite del 1 settembre 2019.