Batticuore

Lo studio rileva il legame tra l’esposizione all’ozono ambientale e la progressione dello spessore della parete carotidea

La ricerca condotta da UB è la prima a segnalare un’associazione tra esposizione a lungo termine all’ozono e aterosclerosi.

BUFFALO, NY – L’esposizione a lungo termine all’ozono ambientale sembra accelerare le condizioni arteriose che progrediscono in malattie cardiovascolari e ictus, secondo un nuovo studio dell’Università di Buffalo.

Pubblicità e progresso

È il primo studio epidemiologico a fornire la prova che l’ozono potrebbe far progredire la malattia arteriosa subclinica – lesioni che si verificano alle pareti delle arterie prima di un infarto o ictus – e fornisce informazioni sulla relazione tra esposizione all’ozono e rischio di malattia cardiovascolare.

“Questo potrebbe indicare come l’associazione tra esposizione a lungo termine all’ozono e mortalità cardiovascolare, che è stata osservata in alcuni studi, è dovuta a danno arterioso e accelerazione dell’aterosclerosi”, ha detto l’autore principale dello studio Meng Wang, assistente professore di epidemiologia e salute ambientale presso l’Università di Buffalo.

Il documento è stato pubblicato a maggio sulla rivista Environmental Health Perspectives.

Lo studio longitudinale ha seguito quasi 7.000 persone tra i 45 e gli 84 anni da sei regioni statunitensi: Winston-Salem, North Carolina; New York City; Baltimora; St. Paul, Minnesota; Chicago; e Los Angeles. I partecipanti sono stati arruolati nello studio multietnico di aterosclerosi (MESA) e seguiti per oltre un decennio.

L’aterosclerosi si riferisce all’accumulo di placche o depositi di grasso nelle pareti delle arterie che, nel tempo, restringono il flusso sanguigno attraverso le arterie. Questo può causare coaguli di sangue, con conseguente come infarto o ictus, a seconda di quale arteria – coronarica o carotide, rispettivamente – si accumula la placca.

Lo studio ha rilevato che l’esposizione cronica all’ozono era associata ad una progressione di ispessimento dell’arteria principale che fornisce sangue alla testa e al collo. Ha anche rivelato un rischio più elevato di placca carotidea, una fase successiva di lesione arteriosa che si verifica quando c’è diffuso accumulo di placca nell’intima e media, i due strati più interni di una parete arteriosa.

“Abbiamo utilizzato modelli statistici per stabilire se esistano associazioni significative tra l’esposizione all’ozono e questi risultati”, ha detto Wang. “Sulla base di questo modello, suggerisce che esiste un’associazione tra esposizione a lungo termine all’ozono e progressione dell’aterosclerosi”.

Mentre lo studio trova un’associazione tra inquinamento atmosferico e aterosclerosi, i ricercatori non sono chiari sul perché. “Possiamo dimostrare che esiste un’associazione tra esposizione all’ozono e questo risultato, ma il meccanismo biologico per questa associazione non è ben compreso”, ha detto Wang.

Lo studio è unico nel suo focus sull’esposizione all’ozono piuttosto che sul particolato.

L’inquinamento da particelle proviene da una varietà di attività umane e naturali. Esempi includono scarichi di veicoli, combustione di combustibili fossili e operazioni e processi agricoli e industriali. Lo smog è un sottoprodotto dannoso di tali attività.

Ciò non dovrebbe essere confuso con lo strato di ozono nell’atmosfera superiore della Terra, che ci protegge dalla maggior parte delle radiazioni ultraviolette del sole.

L’ozono troposferico, tuttavia, causa seri problemi di salute. Quando viene respirato, attacca aggressivamente il tessuto polmonare reagendo chimicamente con esso, secondo l’American Lung Association.

Lo studio di Wang – che comprende ricercatori dell’Università di Washington e dell’Università del Wisconsin-Madison – ha implicazioni politiche per gli Stati Uniti, dove l’Environmental Protection Agency nel 2015 ha abbassato gli standard sanitari federali per l’ozono.

“La maggior attenzione alla qualità dell’aria negli Stati Uniti si è concentrata sull’inquinamento atmosferico da particelle”, ha detto Wang. “Tuttavia, le concentrazioni di ozono nelle aree metropolitane non sono correlate positivamente con l’inquinamento da particolato, inoltre, i livelli medi di ozono – come riportato in questo documento – non sono in calo negli Stati Uniti, probabilmente a causa del peggioramento dei cambiamenti climatici”.

L’EPA riferisce che le concentrazioni di particolato sono diminuite in tutta la nazione mentre sono fatti sforzi per ridurre le emissioni dei veicoli e usare energia pulita.

L’ozono, tuttavia, è molto più complicato, osserva Wang. “Per la politica negli Stati Uniti, l’attenzione dovrebbe essere concentrata su come controllare efficacemente la concentrazione di ozono, che potrebbe essere più difficile perché si tratta di un inquinante secondario”, ha affermato. “Con il peggioramento dei cambiamenti climatici, questo problema potrebbe essere amplificato”.