Batticuore

Nuove prove collegano alimenti ultra-elaborati con una serie di rischi per la salute

Due grandi studi europei pubblicati da The BMJ oggi trovano un’associazione positiva tra il consumo di alimenti altamente trasformati (“ultra-elaborati”) e il rischio di malattie cardiovascolari e morte.

I ricercatori dicono che è necessario un ulteriore lavoro per comprendere meglio questi effetti e resta da stabilire un legame (causale) diretto, ma richiedono politiche che promuovano il consumo di alimenti freschi o minimamente trasformati rispetto agli alimenti altamente trasformati.

Gli alimenti ultra-elaborati includono prodotti da forno confezionati e snack, bevande gassate, cereali zuccherati, piatti pronti contenenti additivi alimentari, zuppe di verdure disidratate e carne e pesce ricostituiti, spesso contenenti alti livelli di zuccheri aggiunti, grassi e / o sale, ma carenti di vitamine e fibre. Si pensa che rappresentino circa il 25-60% dell’apporto energetico giornaliero in molti paesi.

Precedenti studi hanno collegato alimenti ultra-elaborati a rischi più elevati di obesità, pressione alta, colesterolo alto e alcuni tipi di cancro, ma le prove certe sono ancora scarse.

Nel primo studio, ricercatori con sede in Francia e Brasile hanno valutato le potenziali associazioni tra alimenti ultra-elaborati e rischio di malattie cardiovascolari e cerebrovascolari (condizioni che influenzano l’apporto di sangue al cuore e al cervello).

Le loro scoperte sono basate su 105.159 adulti francesi (21% uomini, 79% donne) con un’età media di 43 anni che hanno completato in media sei questionari dietetici di 24 ore per misurare l’assunzione abituale di 3.300 alimenti diversi, come parte dello studio NutriNet -Santé.

Gli alimenti sono stati raggruppati in base al grado di elaborazione e i tassi di malattia sono stati misurati su un follow-up massimo di 10 anni (2009-2018).

I risultati hanno mostrato che un aumento assoluto del 10% nella proporzione di alimenti ultra-elaborati nella dieta era associato a tassi significativamente più elevati di malattia cardiovascolare, coronaropatia e patologia cerebrovascolare in generale (aumento del 12%, 13% e 11% rispettivamente).

Al contrario, i ricercatori hanno trovato un’associazione significativa tra cibi non trattati o elaborati minimamente e rischi minori di tutte le malattie segnalate.

Nel secondo studio, i ricercatori con sede in Spagna hanno valutato possibili associazioni tra assunzione di cibo ultra-elaborato e rischio di morte per qualsiasi causa (“mortalità per tutte le cause”).

Le loro scoperte si basano su 19.899 laureati spagnoli (7.786 uomini, 12.113 donne) con un’età media di 38 anni che hanno completato un questionario dietetico di 136 item come parte dello studio Seguimiento Universidad de Navarra (SUN).

Ancora una volta, gli alimenti sono stati raggruppati in base al grado di elaborazione e le morti sono state misurate su una media di 10 anni.

I risultati hanno mostrato che un maggiore consumo di alimenti ultra-elaborati (più di 4 porzioni al giorno) era associato a un aumento del 62% del rischio di mortalità per tutte le cause rispetto a un consumo inferiore (meno di 2 dosi al giorno). Per ogni dose giornaliera aggiuntiva di alimenti ultra-elaborati, il rischio di mortalità è aumentato del 18% (un effetto dose-risposta).

Entrambi gli studi sono osservazionali quindi non possono stabilire la causalità e c’è la possibilità che alcuni dei rischi osservati possano essere dovuti a fattori di confondimento non misurati.

Ciononostante, entrambi gli studi hanno tenuto conto dei ben noti fattori di rischio dello stile di vita e dei marcatori della qualità alimentare, e le scoperte confermano altre ricerche che collegano alimenti altamente trasformati con cattive condizioni di salute.

Pertanto, entrambi i gruppi di ricerca affermano come le politiche che limitano la proporzione di alimenti ultra-trasformati nella dieta e promuovono il consumo di alimenti non trasformati o minimamente trasformati sono necessarie per migliorare la salute pubblica globale.

Questo punto di vista è supportato da ricercatori australiani in un editoriale collegato, il quale afferma che il consiglio dietetico è relativamente semplice: mangiare meno cibi ultra-elaborati e più alimenti non trasformati o minimamente lavorati.

Dicono che la ricerca futura dovrebbe esplorare le associazioni tra cibo ultra-elaborato e danni alla salute in diverse popolazioni in tutto il mondo ed esaminare come si verifica il danno (per esempio cambiando il microbioma intestinale in modi che potrebbero disturbare l’equilibrio energetico).

Nel frattempo, i responsabili politici “dovrebbero spostare le loro priorità lontano dalla riformulazione dei prodotti alimentari – che rischia di posizionare gli alimenti ultra-trasformati come soluzione ai problemi alimentari – verso una maggiore enfasi sulla promozione della disponibilità, dell’accessibilità e dell’accessibilità degli alimenti non trasformati o minimamente trasformati, “concludono.