Ricerca

Stop diabete – USA: Dopo 20 anni in aumento, i nuovi casi di diabete diminuiscono del 35%

Negli USA la prevalenza del diabete diagnosticato si è stabilizzata negli ultimi otto anni, mentre l’incidenza è diminuita, secondo uno studio pubblicato online il 28 maggio su BMJ Open Diabetes Research & Care.

Stephen R. Benoit, MD, MPH, dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ad Atlanta, e colleghi hanno calcolato la prevalenza e l’incidenza annuale di diabete diagnosticato (tipo 1 e tipo 2 combinati) utilizzando dati di indagine cross-sectional rappresentativi a livello nazionale dal National Health Interview Survey dal 1980 al 2017.

Pubblicità e progresso

I ricercatori non hanno osservato cambiamenti significativi nella prevalenza del diabete diagnosticato aggiustato per età dal 1980 al 1990, ma un aumento significativo è stato osservato dal 1990 al 2009 ad un picco di 8,2 per 100 adulti (variazione percentuale annuale [APC], 4,4 per cento); la prevalenza si è stabilizzata fino al 2017. Dal 1980 al 1990, l’incidenza del diabete diagnosticato aggiustato per età non è cambiata significativamente, ma un aumento significativo è stato osservato dal 1990 al 2007, con un picco a 7,8 su 1.000 adulti (APC, 4,8 per cento); successivamente, si è verificata una diminuzione significativa, scendendo a 6,0 per 1.000 adulti nel 2017. I bianchi non ispanici sembravano guidare la diminuzione dell’incidenza, con un APC del -5,1 per cento dopo il 2008.

“Anche se un incoraggiante segnale di successo, a causa della persistenza di importanti fattori di rischio come obesità e prediabete, avvertiamo che le tendenze sono probabilmente influenzate dal cambiamento di consapevolezza, rilevamento e pratiche diagnostiche”, scrivono gli autori.

Categorie:Ricerca

Con tag:,,,