Ricerca

La scoperta delle cellule di grasso potrebbe aiutare a combattere i problemi di salute legati all’obesità

I ricercatori hanno scoperto differenze nelle cellule di grasso che potrebbero potenzialmente identificare le persone predisposte alle malattie metaboliche come il diabete e del fegato grasso.

La prima scoperta mondiale ha identificato anche le cellule di grasso “a combustione rapida” che, se sbloccate, potrebbero aiutare le persone a perdere peso.

Circa il 70 per cento degli australiani è sovrappeso o obeso, collegato al rischio di malattia metabolica. L’università di Melbourne, in Australia, ha scoperto che il livello di rischio di un individuo dipende dal tipo di grasso che immagazzina.

Pubblicato in Cell Reports, lo studio ha prelevato campioni da volontari umani e scoperto tre sottotipi specifici di cellule precursori che sono diventate cellule adipose.

La prima rilascia un sacco di grasso nel flusso sanguigno, la seconda energia bruciata ad un ritmo elevato e la terza è “piuttosto benigna” e faceva quello che una cellula adiposa dovrebbe normalmente fare, ma lentamente.

Tutti e tre i sottotipi di cellule erano presenti nel tessuto grasso in tutto il corpo e non limitati a una particolare parte. Tutte erano presenti in tutti i campioni di grasso. Alcune persone avevano più di alcuni sottotipi di cellule e meno di altri.

L’autore senior Matthew Watt, che è responsabile della fisiologia presso la School of Biomedical Sciences dell’Università di Melbourne, ha dichiarato che i risultati indicano come il trucco di queste cellule nel corpo di una persona potrebbe aiutare a determinare la loro salute.

Il professor Watt ha detto che il primo sottotipo potrebbe aumentare il rischio di depositi di grasso intorno all’organismo e agli organi, indipendentemente dal fatto d’essere sovrappeso o meno, mentre il secondo potrebbe prevenire l’aumento di peso. Il terzo è neutrale.

Mentre è ai primi passi, ha detto che ulteriori ricerche potrebbero potenzialmente determinare i modi per “spegnere” le cellule che rilasciano il grasso e “accendere” le cellule che bruciano i grassi. Ciò comporterebbe lo sviluppo di terapie farmacologiche e richiedere almeno 10 anni.

Il professor Watt ha detto che, se sviluppati, tali trattamenti potrebbero aiutare a prevenire alcune malattie ed essere meno invasivi della chirurgia bariatrica. Ma dovrebbero anche comportare cambiamenti nello stile di vita.

“Mentre sosteniamo nuove scoperte per informare lo sviluppo delle terapie anti-obesità, è anche importante uno stile di vita sano, compresa l’attività quotidiana e una riduzione dell’assunzione di cibo”, ha affermato.

La squadra del professor Watt ha separato diversi tipi di cellule, studiato i loro geni e valutato proteine ??e metabolismo. Hanno trovato tre sottotipi di cellule adipose, che sono anche conosciute come cellule progenitrici degli adipociti (APC).

“La scoperta è importante perché ci dice che non tutte le cellule di grasso sono uguali e che capendo i sottotipi di grasso in un essere umano, potremmo essere in grado di prevedere la loro futura salute metabolica”, ha detto il professor Watt.

Mentre i risultati indicano che alcuni sottotipi di cellule potrebbero aumentare il rischio di malattia metabolica, il professor Watt ha detto che ora è necessario un trial clinico per rispondere con precisione a questa domanda. In questa fase non era pratico testare regolarmente la composizione del grasso.

“Ciò richiede test molto dettagliati e costosi”, afferma il professor Watt. “Fino a quando non mostreremo un collegamento tra alcune cellule di grasso e le caratteristiche per la salute questo non sarà un test utile.

“Per prima cosa dobbiamo determinare se il numero dei sottotipi di cellule adipose influisce sullo sviluppo della malattia, quindi possiamo trovare modi per ridurre o aumentare un certo tipo di cellule di grasso per migliorare la salute, ma ancora una volta ciò richiederà ulteriori sperimentazioni”.

Categorie:Ricerca

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.