Ricerca

Diabete: la mutazione genetica si è evoluta per far fronte alle moderne diete ad alto contenuto di zucchero

Pubblicità

La variante genetica è diventata più comune negli esseri umani dopo che la cottura e l’allevamento si sono molto diffusi, e potrebbe ora aiutare le persone a evitare il diabete, secondo i risultati pubblicati in eLife.

“Abbiamo scoperto che le persone differiscono nel modo in cui i loro corpi possono gestire i livelli di zucchero nel sangue, derivanti da un processo evolutivo che sembra essere stato determinato cambiando diete”, ha detto l’autrice principale dello studio, professor Frances Brodsky, direttore di UCL Biosciences.

Pubblicità

I ricercatori stavano studiando il gene CLTCL1, che dirige la produzione della proteina CHC22 la quale svolge un ruolo chiave nella regolazione di un trasportatore di glucosio nelle nostre cellule adipose e muscolari.

Dopo che le persone mangiano, l’insulina ormonale reagisce a livelli più alti di glucosio nel sangue rilasciando il trasportatore per rimuovere il glucosio dal sangue, portandolo nel tessuto muscolare e grasso. Tra i pasti, con l’aiuto della proteina CHC22, il trasportatore di glucosio rimane all’interno del muscolo e del grasso in modo che gli zuccheri nel sangue continuino a circolare.

Il gruppo di ricerca, composto da specialisti in genetica delle popolazioni, biologia evolutiva, DNA antico e biologia cellulare, ha analizzato i genomi umani e quelli di 61 altre specie, per capire come il gene che produce CHC22 è variato nel corso della storia evolutiva.

Nell’uomo, osservando i genomi di 2.504 persone del Global Genomes Project, hanno scoperto che quasi la metà delle persone in molti gruppi etnici ha una variante di CHC22 prodotta da un gene mutato, diventato più comune man mano che le persone sviluppavano cucina e agricoltura

I ricercatori hanno anche esaminato i genomi degli umani antichi e scoperto che la nuova variante è più comune nelle popolazioni agricole antiche e moderne rispetto ai cacciatori-raccoglitori, suggerendo come un aumento del consumo di carboidrati potrebbe essere stata la forza selettiva alla guida l’adattamento genetico.

Studiando cellule, i ricercatori hanno scoperto che la variante CHC22 più recente è meno efficace nel mantenere il trasportatore di glucosio all’interno del muscolo e del grasso tra i pasti, il che significa che il trasportatore può più facilmente eliminare il glucosio dal sangue. Le persone con la nuova variante avranno quindi un livello di zucchero nel sangue più basso.

“La versione precedente di questa variante genetica probabilmente sarebbe stata utile per i nostri antenati in quanto li avrebbe aiutato a mantenere livelli più elevati di zucchero nel sangue durante i periodi di digiuno, in tempi in cui non avevamo un accesso così facile ai carboidrati, e questo ci ha aiutato a far evolvere i nostri grandi cervelli “, ha detto il primo autore, il dott. Matteo Fumagalli, che ha iniziato lo studio alla UCL prima di trasferirsi all’Imperial College di Londra.

“In anni più recenti, con le nostre diete ad alto contenuto di carboidrati che spesso ci forniscono troppo zucchero, la nuova variante può essere vantaggiosa”, ha aggiunto il dott. Fumagalli.

I ricercatori dicono che mentre questa variante genetica non gioca un ruolo diretto nello sviluppo del diabete, avere la variante più vecchia può rendere le persone più facili a sviluppare il diabete, e anche ad esacerbare la resistenza all’insulina coinvolta nel diabete.

“Le persone con la variante più anziana possono aver bisogno di essere più attenti al loro consumo di carboidrati, ma sono necessarie ulteriori ricerche per capire come la variante genetica che abbiamo trovato possa influire sulla nostra fisiologia”, ha aggiunto il professor Brodsky.

Il coautore professor Mark Thomas (UCL Genetics, Evolution & Environment) ha aggiunto: “Le nostre analisi suggeriscono fortemente di aver trovato un altro esempio di come i cambiamenti preistorici nelle abitudini alimentari hanno modellato l’evoluzione umana. Capire come ci siamo adattati a questi cambiamenti Ci informano solo sul perché le persone sono riuscite a sopravvivere o sono morte in passato, ma ci aiutano anche a capire meglio il rapporto tra dieta, salute e malattia oggi.”

Categorie:Ricerca

Con tag:,,