ADA2019

#ADA2019 Il diabete può essere rilevato nell’intestino dei gatti

Il gatto è l’unico animale, oltre agli umani e ai primati, che sviluppa spontaneamente il diabete di tipo 2. Pertanto, i ricercatori sono interessati a studiare come si sviluppa il diabete nei gatti per saperne di più sulla malattia in generale.

Ora un team interdisciplinare di ricercatori dell’Università di Copenhagen ha compiuto un passo avanti nella comprensione della malattia studiandola nei gatti. Il nuovo studio mostra che la composizione dei batteri intestinali nei gatti affetti da diabete è diversa da quella osservata nei gatti sani.

“Possiamo dire che la diversità dei batteri intestinali è ridotta nei gatti con diabete. Lo stesso è stato rilevato negli esseri umani, e quindi sembrano esserci più somiglianze nel diabete tra le specie rispetto a quanto precedentemente ipotizzato. In realtà, i nostri risultati smentiscono un altro studio più piccolo “, afferma il Dottorando Ida Nordang Kieler del Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie.

L’interdisciplinarità rafforza i risultati

I ricercatori hanno studiato 82 gatti provenienti da Danimarca e Svizzera, e poiché non ci sono state differenze tra le due popolazioni, i risultati si riferiscono quindi al diabete e non all’origine o allo stile di vita dei gatti. Allo stesso tempo, hanno ricevuto contributi interdisciplinari da ricercatori in altri campi.

“Non saremmo stati in grado di completare questo studio senza collaborazione interdisciplinare. Ha davvero rafforzato i nostri risultati e siamo stati in grado di ottenere un feedback nel processo e sviluppare la progettazione dello studio insieme a esperti provenienti da diversi settori “, afferma la Professoressa Charlotte Reinhard Bjørnvad del Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie.

I ricercatori hanno collaborato con i principali ricercatori del Centro della fondazione Novo Nordisk per la ricerca metabolica di base e il Museo di storia naturale della Danimarca. La collaborazione ha fornito agli esperti veterinari idee preziose sulla genetica delle specie, dei batteri intestinali e del diabete negli esseri umani.

Biblioteca di batteri per gatti

In futuro, i ricercatori sperano di essere in grado di utilizzare studi come questo per capire e trattare meglio il diabete nei gatti, mentre allo stesso tempo migliorare la nostra conoscenza del metabolismo del glucosio e del diabete negli esseri umani. Poiché alcune incertezze sono più facili da controllare nei test sugli animali, spiega Charlotte Reinhard Bjørnvad.

“Ci auguriamo che più ricercatori desiderino collaborare allo studio del diabete nei gatti, perché per alcuni aspetti questi lavori sono più facili da controllare rispetto agli studi sugli esseri umani. È possibile controllare meticolosamente l’alimentazione dei gatti e quindi rimuovere eventuali elementi di disturbo e, con un minor numero di animali, ottenere risultati più stabili “, elabora.

Inoltre, i ricercatori stanno ora cercando di stabilire una libreria completa di batteri intestinali nei gatti, un tipo di enciclopedia per i ricercatori che studiano i gatti. Tali librerie sono già disponibili per umani e cani. Per farlo continueranno a collaborare con i ricercatori del Museo di storia naturale della Danimarca.

I risultati di questo studio saranno presentati durante un poster session domenica 9 giugno al Moscone Center di San Francisco ore  14 locali (23 in Italia) in occasione del meeting scientifico annuale ADA.

Categorie:ADA2019, Ricerca

Con tag:,