ADA2019

#ADA2019 – Numerose le opzioni che offrono importanti quesiti nella valutazione dell’inizio della terapia con pompa per insulina

SAN FRANCISCO – La terapia con pompa insulinica è una strategia di trattamento del diabete sempre più popolare. I fornitori di assistenza per il diabete dovrebbero discutere con i pazienti le opzioni disponibili, i potenziali benefici della tecnologia e i possibili ostacoli prima di passare al suo utilizzo, secondo un presentazione allla 79a sessione scientifica dell’American Diabetes Association.

“Non stiamo rallentando” , ha detto durante la presentazione Samantha Lange, BS , assistente di ricerca professionale ed educatrice del diabete certificata presso il Centro per diabetici Barbara Davis nell’Università del Colorado. “La nostra tecnologia sta crescendo molto rapidamente, quindi è importante che i fornitori comprendano che cosa questi sistemi possono offrire agli individui e in che modo personalizziamo realmente ciò che il sistema offre all’individuo.”

Sebbene queste terapie abbiano dimostrato di migliorare i risultati e fornire ulteriori benefici in termini di flessibilità ed efficacia con popolazioni speciali, come i bambini e gli adulti attivi, la terapia con pompa per insulina non è per tutti, ha detto Lange.

“La terapia con pompa per insulina è benefica per tutti gli individui con diabete? Non penso di poter rispondere semplicemente in una presentazione, … ma la terapia con pompa di insulina può essere utile per tutti “, ha detto Lange. “Se è la terapia giusta è una domanda diversa”.

Per rispondere a questa domanda, Lange ha detto, i medici e gli altri operatori sanitari devono discutere con i loro pazienti le aspettative e gli obiettivi di entrambe le parti per la terapia. Un’immersione più profonda nella routine di un paziente può anche chiarire importanti pro e contro della prescrizione della terapia con pompa per insulina mentre si affrontano potenziali ostacoli. Se questi possono essere modificati o meno, è anche fondamentale, secondo Lange.

Se la terapia con pompa per insulina è considerata una buona strategia per un paziente, ci sono tre opzioni attualmente sul mercato, ha detto Lange, tra cui pompe tradizionali e sensori potenziati e terapie avanzate come sospensione predittiva con glicemia bassa o dispositivi PLGS.

Dispositivi di tipo Pod

Un tipo di opzione tradizionale include i dispositivi “pod-type”, come l’Insulet Omnipod Dash, che è costituito da una capsula di insulina che si attacca alla pelle ed è controllata da un’interfaccia utente su un dispositivo mobile. Lange ha suggerito che questo può essere una eccellente opzione per bambini e adolescenti, poiché lo stile consente loro di rimanere attivi mentre i loro genitori sono in grado di monitorare e curare quando necessario. Lange ha anche notato che questi dispositivi tradizionali possono essere utili per i pazienti riluttanti a utilizzare una pompa per insulina a causa della paura degli aghi.

Tuttavia, i positivi devono essere pesati con gli inconvenienti, ha detto Lange, come ad esempio la potenziale irritazione della pelle dall’adesivo che attacca il pod. Inoltre, i fornitori devono valutare il fabbisogno totale di insulina di un paziente quando si considera questo tipo di pompa, poiché chi ha bisogno di più insulina al giorno può finire per dover cambiare il proprio pod ogni giorno. Delineare questi dettagli prima dell’inizio della terapia è importante per il successo.

Pompe con tubi

Un’altra opzione di dispositivo tradizionale sono le pompe per insulina a tubo. Questi eliminano la necessità di interfacce multiple mantenendo tutte le informazioni e l’input su un singolo sistema. Esistono tre tipi di set di infusione, incluso l’angolo di 90 gradi, che semplifica l’inserimento; il set di cannula in acciaio, che rende anche l’inserimento semplice ma richiede più adesivi e può essere “intimidatorio”, secondo Lange; e il set di infusione angolare a 45 gradi, che è meno semplice, ma offre al paziente una migliore possibilità di evitare malfunzionamenti del sito di infusione se usato correttamente. Come con le pompe pod, assicurando all’utente aspettative realistiche per il dispositivo e il fornitore ha una comprensione di come un paziente già gestisce il proprio diabete produrrà risultati migliori, ha detto Lange.

Pompe con sensore aumentato

Oltre alle tradizionali pompe per insulina, le pompe con sensore aumentato possono essere attraenti. Questi richiedono di indossare due dispositivi: la pompa stessa e un monitor glicemico continuo, ad esempio il Tandem t-slim X2 con il Dexcom G6. Lange ha osservato che mentre questa configurazione può presentare un paziente con ancora più dati con cui lavorare, può creare un “sovraccarico di informazioni”, in particolare poiché questi tipi di dispositivi possono creare numerosi avvisi che devono essere indirizzati. Lange ha raccomandato ai fornitori di discutere dove sono impostate le soglie di allarme e il comfort di un paziente, non solo affrontandole, ma regolandole secondo necessità. Inoltre, questi dispositivi possono richiedere una puntura del dito per calibrare, quindi essere trasparenti su questo con i pazienti è importante.

Le pompe potenziate dal sensore possono essere ulteriormente migliorate con l’aggiunta di opzioni a sospensione ridotta, che interromperanno il dosaggio di insulina quando i livelli di glucosio scendono al di sotto della soglia raccomandata come indicato dalla CGM. Lange ha detto che questo può alleviare un po’ della pressione su un paziente permettendo al dispositivo di correggere senza input manuale.

Le opzioni low-suspend possono essere aggiornate con la tecnologia di sospensione a basso glucosio predittiva o PLGS. Come la pompa potenziata del sensore stesso, i dispositivi PLGS sono costituiti da una pompa e un CGM ma hanno il vantaggio aggiuntivo di un algoritmo con la pompa che può ridurre ulteriormente lo stress correlato alla gestione del diabete. L’algoritmo anticipa quando un paziente avrà ridotto i valori di CGM e farà in modo che la pompa sospenda il dosaggio di insulina finché il glucosio non ritorna a livelli accettabili. Questa interazione non va necessariamente avanti senza conoscenza da parte dell’utente, ma Lange ha sconsigliato frequenti allarmi per combattere potenziali aumenti del diabete durante il completamento dell’obiettivo primario del dispositivo.

“Ci sono così tanti allarmi e avvisi e ronzii in tutto il mondo oggi. Cerca di fare uno o due di meno per le persone che usano la terapia con pompa per insulina.”

Solo perché questo è un sistema più automatizzato non significa che i pazienti debbano essere lasciati al buio. Lange ha detto che i fornitori dovrebbero insegnare agli utenti come, quando e perché si verificherà la sospensione di insulina e assicurare che possano accettare questo tipo di automazione. Questi sono in aggiunta alle domande principali che devono essere poste e valutate in tutte le terapie con pompa per insulina.

“È importante avere una buona aspettativa per il tuo paziente. Entra nella stessa pagina prima di avviare queste tecnologie in modo da poter progredire insieme man mano che la nostra tecnologia progredisce. Ricorda di considerare le barriere comuni con i pazienti, come i fallimenti del sito di infusione e le considerazioni sulla pelle, e quindi utilizzare le funzionalità avanzate quando un paziente cresce con la pompa “, ha detto Lange. “Ti chiedo di chiederti: quali sono le altre considerazioni che dovrebbero essere fatte man mano che la nostra tecnologia si sviluppa?”