Ricerca

Lo studio genetico sulle cause dell’eccesso di ferro epatico potrà portare a terapie migliori

Alti livelli di ferro nel fegato sono collegati a una serie di gravi condizioni di salute tra queste: cancro, diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari e del fegato. Ma misurare il ferro del fegato è difficile e fino a poco tempo fa poteva essere fatto solo attraverso una biopsia invasiva.

Pubblicità

Ora ricercatori dell’Università di Exeter, nel Regno Unito, insieme a colleghi dell’Università di Westminster, Londra, Regno Unito, Lund University, Svezia e Perspectum Diagnostics, Owford, Regno Unito, hanno dimostrato che i geni che regolano il metabolismo del ferro nel corpo sono responsabili dell’eccesso di ferro epatico. Questi geni sono la causa principale di alti livelli di ferro nel fegato in popolazioni di discendenza europea, soprattutto celtica, e suggeriscono che questo è molto probabilmente un problema sistemico e non legato all’organo. Tale scoperta può indicare la strada a semplici strategie per ridurne l’eccesso. La ricerca viene presentata oggi alla conferenza annuale della Società europea di genetica umana.

Il dott. Hanieh Yaghootkar e colleghi hanno condotto studi di associazione genome-wide sul contenuto di ferro nel fegato, misurati tramite risonanza magnetica (MRI), in 8200 volontari che avevano fornito campioni biologici alla Biobanca britannica. Gli studi di associazione su tutto il genoma funzionano analizzando i marcatori attraverso le serie complete di DNA di un gran numero di persone al fine di trovare varianti genetiche associate a una particolare condizione.

Hanno trovato tre varianti genetiche indipendenti associate a ferro epatico superiore e coinvolti nella produzione di epcidina, una proteina che regola l’ingresso del ferro nel sangue. I risultati sono stati convalidati in 1500 individui i cui dati sono stati raccolti nel consorzio per la ricerca sul diabete in Europa (DIRECT). «Questa è la prima volta che un tale studio è stato condotto in una popolazione non selezionata e numerosa», afferma il dott. Yaghootkar.

I ricercatori hanno utilizzato un approccio genetico per esplorare il nesso causale tra il rapporto più elevato fra vita e fianchi e il contenuto elevato di ferro nel fegato. Ciò ha fornito prove genetiche che l’obesità centrale (addominale) più alta era associata ad un aumento dei livelli di ferro nel fegato. «Esistono studi sugli animali che indicano come le cellule di grasso attivano i macrofagi, un tipo di globuli bianchi, a causare l’infiammazione, e che questo a sua volta porta a una manipolazione difettosa del ferro nel fegato. Dobbiamo ricercare ulteriormente questa associazione, ma è una spiegazione plausibile del fenomeno», afferma il dott. Yaghootkar.

Il fatto che i meccanismi che causano il ferro epatico elevato sono stati generalizzati e non specifici per organo significa che alti livelli di ferro probabilmente si verificano anche in altri organi, incluso il cervello. I ricercatori hanno trovato un’associazione tra eccesso di ferro e molti altri disturbi, tra cui le condizioni neuropsichiatriche. Poiché le manifestazioni cliniche di elevati livelli di ferro sono così diverse, sarà necessario un approccio multi-specialistico per valutare nuove terapie, compreso il trattamento di pazienti con epcidina per ridurre l’accumulo di ferro.

La risonanza magnetica continua per 100.000 persone nello studio Biobank. «Questo ci permetterà di trovare molti più fattori genetici associati a questo tratto. Siamo anche interessati a svolgere tali studi in altre etnie, dal momento che i nostri risultati attuali sono validi solo per le persone di discendenza europea», concluderà il dott. Yaghootar.

Presidente della conferenza ESHG, il professor Joris Veltman, direttore dell’Istituto di medicina genetica dell’università di Newcastle, Newcastle upon Tyne, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Il sovraccarico di ferro è dannoso per il corpo e deve essere strettamente regolato. Oggi l’ESHG rivela un ruolo chiave per i geni che regolano il metabolismo del ferro e ha anche rivelato un legame tra alcuni tipi di obesità e sovraccarico di ferro “.

Pubblicità

Categorie:Ricerca

Con tag:,