Complicanze varie/eventuali

Dermatite allergica da contatto dai sensori di glucosio nei diabetici di tipo 1

La dermatite allergica da contatto dai sensori di glucosio è diventata un problema crescente. Sono state riportate allergie da contatto con isobornil acrilato, colofonio, etil cianoacrilato e N, N-dimetilacrilammide. Tuttavia, la prevalenza della dermatite correlata al sensore e la cronologia dettagliata del paziente restano poco conosciute.

Questo studio effettuato dalla Unità di Dermatologia e Allergologia, Università di Helsinki e Ospedale universitario di Helsinki, ha valutato i pazienti diabetici che hanno sviluppato dermatite allergica da contatto dai sensori di glucosio.

Settanta pazienti con sospetta allergia da contatto a sensori di glucosio riferiti a cliniche dermatologiche ospedaliere universitarie nella Finlandia meridionale sono stati sottoposti a patch test con la serie basale, una serie di diluizioni di isobornil acrilato e un certo numero di altri acrilati. Costituzione atopica, allergie da contatto, la gravità della dermatite, la capacità di continuare con lo stesso o un altro tipo di sensore sono stati registrati.

Sono state osservate reazioni positive al cerotto con isobornil acrilato in 51/63 (81%) utenti Freestyle Libre. il colophoniumium o i suoi derivati ??erano positivi negli utilizzatori di Medtronic Enlite 5/7. La durata media dell’uso del sensore prima della dermatite era di sei mesi. La prevalenza stimata di allergia da contatto agli adesivi sensoriali era dello 0,7% per Freestyle Libre e 0,8% per Enlite.

I ricercatori suggeriscono ai pazienti che hanno difficoltà nel trovare un sensore di glucosio o una pompa per insulina tollerabile di venire sottoposti, prima, a un patch test. 

Pubblicato nella rivista Contact Dermatitis del 17 giugno 2019.