Diritti e rovesci

Di tutto di meno

Pubblicità

Ieri riportavo in un articolo della carenza di personale medico e paramedico nella sanità italiana e dell’aggravarsi della situazione nel breve periodo causa l’andata in pensione di molti operatori senza copertura del turn-over e senza ricambio nelle specializzazioni. Per quanto riguarda il diabete e dintorni si parla e si continuerà a farlo, ne sono certo, della presenza dello psicologo nella equipe che ha il governo clinico della malattia, ma? Sempre meno gli psichiatri non mancheranno solo medici, chirurghi e infermieri. In futuro ci saranno anche meno psichiatri.

«Già oggi in molte Regioni sono sottorganico ed entro il 2025, ne mancheranno circa 1000 per raggiunti limiti di età. Le carenze principali saranno in Lombardia, Sicilia ed Emilia-Romagna», ha spiegato Fabrizio Starace, presidente della Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica (Siep), a margine della presentazione della Conferenza Nazionale per la Salute Mentale. E i dati non fanno altro che rafforzare l’allarme lanciato dallo psichiatra: 800mila persone sono già seguite dai servizi di salute mentale, tra cui anche molti ragazzi, «ma il numero di chi soffre di disagio psichico e avrebbe bisogno di essere seguito è molto maggiore e migliaia di persone non arrivano neppure a chiedere l’aiuto dei servizi». Ma il problema del personale non riguarda solo gli psichiatri: «Da infermieri a tecnici di riabilitazione psichiatrica — conclude — il panorama da Nord a Sud offre sempre più spesso contratti a temine rinnovati per anni, più esternalizzazioni e turni massacranti».

Pubblicità

Categorie:Diritti e rovesci

Con tag:,