Ricerca

Hai fame?

Lo studio condotto da Yale rivela la biologia della leptina, l’ormone della fame.

New Haven, Connecticut – In un nuovo studio, i ricercatori di Yale offrono informazioni sulla leptina, un ormone che svolge un ruolo chiave nell’appetito, nell’eccesso di cibo e nell’obesità. Le loro scoperte anticipano le conoscenze sulla leptina e l’aumento di peso, e suggeriscono anche una potenziale strategia per lo sviluppo di futuri trattamenti per la perdere di peso, hanno detto.

Lo studio, condotto dai ricercatori di Yale e Harvard, è stato pubblicato oggi sulla rivista PNAS .

La leptina, che è secreta dalle cellule adipose, informa il cervello quando il carburante immagazzinato nel grasso corporeo e nel fegato si sta esaurendo. Non è ben compreso quanto le basse concentrazioni di leptina nel plasma – il più grande componente del sangue – aumentino l’appetito. I ricercatori hanno studiato la biologia della leptina nei roditori. Hanno anche studiato l’influenza delle cellule nervose nel cervello conosciute come neuroni AgRP, che regolano il comportamento alimentare.

I ricercatori hanno scoperto che i meccanismi con cui le riduzioni delle concentrazioni di leptina nel plasma stimolano l’assunzione di cibo non sono limitate al cervello, come si pensava in precedenza. Nei roditori, il digiuno attiva prima i recettori della leptina nel cervello, seguito da un passaggio intermedio che coinvolge il sistema endocrino. Questo sistema include le ghiandole pituitaria e surrenale, che secernono un altro ormone, il corticosterone, che regola l’energia, le risposte allo stress e l’assunzione di cibo.

Il team di ricerca ha appreso che questa catena di eventi è necessaria per la leptina a stimolare la fame quando il cibo è limitato, o quando il diabete è scarsamente controllato e le concentrazioni plasmatiche di leptina scendono al di sotto di una soglia critica, ha detto Gerald Shulman, MD, George R. Cowgill. Medicina presso la Yale School of Medicine e autore corrispondente dello studio.

In ulteriori esperimenti, i ricercatori hanno anche dimostrato che il corticosterone plasmatico attiva i neuroni AgRP, che aumenta la fame quando i livelli di leptina o di zucchero nel sangue sono bassi, ha osservato Shulman. Negli esseri umani, la leptina e gli zuccheri nel sangue diminuiscono quando le persone seguono una dieta.

Questi risultati si aggiungono alla conoscenza da parte degli scienziati della leptina, che è stata al centro della ricerca sull’obesità e sulla perdita di peso sin dalla sua scoperta negli anni ’90. Lo studio rivela “la biologia di base della leptina, e come il sistema endocrino sta mediando il suo effetto per regolare l’assunzione di cibo in condizioni di fame e diabete mal controllato”, ha detto Shulman.

La ricerca presta inoltre supporto a una diversa strategia per lo sviluppo di farmaci che trattano l’obesità. “Suggerisce che i neuroni AgRP possono essere un obiettivo terapeutico attraente”, ha detto.

Categorie:Ricerca

Con tag: